Linux: multitouch nativo

Linux risponde a dovere a Windows 7 con un supporto nativo del multitouch come illustrato da questo video dimostrativo

da , il

    Microsoft e Linux sono come Golia e Davide, il sistema operativo del pinguino ha per le mani una fionda formata da un nugolo di sviluppatori sempre attivi e formidabili. Se Windows 7 mostra un supporto nativo per il multitouch come grande novità, una versione innovativa di Linux risponde in rima.

    Il supporto nativo del multitouch per Linux è opera del gruppo di sviluppatori francesi riuniti intorno al nome ENAC che hanno utilizzato la versione 2.6.30 del sistema operativo per ottenere un’interfaccia dinamica e semplicissima da usare che può vantare tutte le classiche funzionalità del multitouch come zoom-pizzicato, rotazione e scorrimento.

    Il multitouch può essere portato alla dimensione Linux dal sistema integrato MPX in X.Org server v7.5, ma la versione proposta da ENAC si spinge oltre con un codice più flessibile, usando librerie che lo rendono compatibile con più versioni dell’OS. Con questa innovazione Linux potrà rafforzare il suo piccolo interregno nel mondo dei netbook che per alcuni è messo in pericolo dall’arrivo di Windows 7. Scarica la 2.60.30 con relative istruzioni da qui.