Scooter spara fiamme

Scooter spara fiamme

Scooter spara fiamme inventato da un giovane designer britannico, ecco le foto e i dettagli di quest'idiota invenzione inglese

da in Innovazioni Tecnologiche
Ultimo aggiornamento:

    Come districarsi in mezzo a un traffico troppo intenso col proprio scooter, magari dando qualche lezioncina a automobilisti scorretti e facendo rispettare le distanze di sicurezza? Semplice, come ci racconta Colin Furze, basta uno scooter spara fiamme!

    Colin Furze ha preso il suo scooter e l’ha opportunamente modificato aggiungendo una simpatica funzionalità extra sul retro: un lanciafiamme che spara fuoco lanciandolo a oltre 3.5 metri dal posteriore del motorino. E’ un’idea talmente pericolosa e idiota che ha fatto breccia nel cuore del web. E anche del nostro, ma a guardarlo bene…

    Colin Furze è un idraulico che si sposta per le vie di Stamford nel Lincolnshire (UK, Regno Unito) con il suo scooter da 100km/h maneggevole, scattante e ideale per districarsi nel traffico cittadino. Ma gli basta premere un pulsante per fare il vuoto dietro sé. “E’ davvero divertente, le fiamme mi fanno sentire come James Bond – se la ride l’inventore in modo un po’ inquietante – generano un fuoco abbastanza grande, potrei mandare alle fiamme un’auto se volessi“.

    Beh si certo, sembra una cosa legalissima.. come se non bastasse poi aggiunge “L’unico problema è che col vento contro le fiamme prendono direzioni imprevedibili”. Una camicia di forza, subito! Colin ci ha provato prima con una BMX poi è passato allo scooter, la prima versione funzionava solo se si era in movimento, la seconda ha preso fuoco da sola (peccato non si sia rivolta contro l’inventore) e la terza è uscita perfetta.


    “Purtroppo però sono obbligato a usarlo nel mio giardino e non per strada perché sarebbe illegale – ma dai? – è equivalente a un lanciafiamme e potrei avere un sacco di problemi”. Una novità assoluta? No, a Gennaio 2008 vi avevamo parlato di Autoloc, per sparare fuoco dalla marmitta dell’auto

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Innovazioni Tecnologiche
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI