Pesce d’Aprile 2011: le burle di Google, Youtube e altri

Pesce d’Aprile 2011: le burle di Google, Youtube e altri

Pesce d'Aprile 2011: le burle di Google, Youtube e degli altri portali online come Linkedin o Groupon, una serie di scherzi tutti da ridere

da in Google, In Evidenza, Internet, Social Media, Youtube, bufale
Ultimo aggiornamento:

    Oggi è la giornata dei pesci d’Aprile anche online: il primo del quarto mese dell’anno è come da tradizione dedicato alle bufale e alle burle architettate ad hoc da tutte le grandi realtà del web (e non solo). Google la fa da padrone, anche in questo caso, con più di uno scherzo per il primo aprile, ma in generale tutte le notizie di oggi sono da prendere con tutte le cautele del caso. Quali sono gli April Fools 2011 diffusi finora? Andiamo a fare un elenco, sarà interessante scoprire che il trend social spopola anche in questo campo.

    Citavamo Google come il più attivo (non è una novità guarda cosa ha combinato gli anni scorsi) non a caso: ecco GoogleFriendship.com, un nuovo social network da attivare subito con tre inviti, peccato che quello nell’immagine sia un Facebook photoshoppato con tanto di Like rimasto intatto (e differente dal neonato Google+1). Ma Big G non si è limitato a questo.



    E’ stato infatti anche dato spazio a Google Autocompleter, un cervellotico e assurdo sistema di autocompletamento oltre che del fantastico Gmail Motion per controllare la posta elettronica con i comandi del corpo!

    Groupon.com ha comunicato di aver brevettato il giorno del pesce d’aprile, LinkedIn suggerisce persone che potresti conoscere come Albert Einstein e il Dr.

    Watson!, Ryanair annuncia di offrire voli senza “piccoli mostri”, Spotify si dedica agli USA perché l’Europa “non è cool”, Atlassian lancia la versione speciale di Angry Birds “Nerds”. Lasciamo per ultimo lo spettacolare pesce di Youtube, che immagina come sarebbe stato Internet e lo stesso portale… catapultato un secolo fa, ecco il video “Top five viral pictures of 1911″.

    442

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GoogleIn EvidenzaInternetSocial MediaYoutubebufale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI