NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Gli hacker Anonymous ritornano con le loro scorribande

Gli hacker Anonymous ritornano con le loro scorribande

Gli Anonymous ritornano alla carica andando a violare database dell'FBI che trattano proprio di sicurezza online

da in Hacker, Internet, Sicurezza Informatica
Ultimo aggiornamento:

    hacker anonymous

    Il gruppo hacker degli Anonymous ritorna a farsi sentire: i cybercriminali, dunque più che altro cracker, hanno nuovamente attaccato i database dell’FBI, che ormai è diventata la “palestra” e la vetrina di queste organizzazioni. Dopo l’annuncio di Lulzsec che intende presto abbandonare la scena, invitando però i colleghi a continuare nelle scorribande, gli Anonymous non hanno di certo atteso troppo. Solamente 24 ore e poi giù nuovamente con intrusioni e furti di informazioni a colpi di clic. Devono però stare attenti, i Governi non sono più impreparati come un tempo.

    Gli i LulzSec annunciavano “Ci ritiriamo, proprio nel giorno dell’anniversario di George Orwell di 1984, ma gli altri gruppi continueranno il nostro lavoro“. Pochi ci credono, di sicuro i colleghi pirateschi hanno preso questo pretesto per accelerare le intrusioni nei server più eclatanti.

    E’ stata nuovamente l’FBI la vittima sacrificale dell’associazione che ha superato le barriere protettive andando a rubare informazioni sensibili, documenti e liste riservate proprio a proposito degli hacking online.

    Si parla di risorse di sicurezza, persino di lettere pre-compilate per richiedere informazioni su un cliente a un provider.

    Oltre al danno pure la beffa dunque per l’FBI che viene violata in un settore che si occupa proprio delle intrusioni online. Nel puro spirito canzonatorio e irrisorio degli Anonymous, che sono stati associati da subito agli attacchi al Playstation Network. I Governi e le grandi società, nel frattempo, si stanno attrezzando, chiamando a sé anche i “pentiti”, riusciranno a difendersi?

    318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN HackerInternetSicurezza Informatica
    PIÙ POPOLARI