Telescopi virtuali per osservare l’asteroide 433 Eros

Telescopi virtuali per osservare l’asteroide 433 Eros

La Terra sarà avvicinata da due asteroidi, la rete mette a disposizione strumenti per l'osservazione da remoto, grazie a telescopi virtuali

da in Innovazioni Tecnologiche, Internet
Ultimo aggiornamento:

    Eros Asteroid 433

    Tra il 27 gennaio e il 3 febbraio la Terra è stata e sarà avvicinata da due asteroidi. Il secondo, soprattutto, conosciuto come 433 Eros è il più interessante non solo per le dimensioni ma anche per la possibilità di osservarlo da vicino grazie ai telescopi virtuali. Si tratta di un network di osservatori che permettono il controllo da remoto dell’apparecchiatura, che va ad abbinarsi alle osservazioni professionali della NASA, Esa e delle altre agenzie nazionali e in più anche dei gruppi di osservazione organizzati per il prossimo 3 febbraio. Come e dove scovare il passaggio della roccia spaziale, online?

    Iniziamo subito dal primo asteroide che poi è il più piccolo e per questo motivo anche il più difficile da osservare. Con un diametro di 11 metri appena, 2012 BX34 è transitato alle ore 17 del 27 gennaio a 60.000 chilometri di distanza dalla Terra ossia circa un quinto della distanza rispetto alla Luna del nostro pianeta. Non c’è ovviamente da preoccuparsi, a quella distanza è passato senza essere catturato dall’attrazione terrestre e anche se fosse caduto nell’atmosfera si sarebbe disintegrato. Il fatto stesso che sia stato scovato solo in prossimità dell’arrivo vicino alla Terra è sintomo della scarsa pericolosità, ma con il progredire della tecnologia, queste rocce spaziali si potranno scovare con maggiore anticipo.

    E’ ben più grande 433 Eros (avvicinato e “assaltato” dalla sonda NEAR Shoemaker nel 2001) che passerà tra l’altro a 0,179 UA dalla Terra con il suo diametro di circa 34 chilometri e la composizione di ferro e magnesio. Lui si che sarà (anzi già lo è) osservabile con precisione, sia con strumenti semi-professionali (telescopi da casa, binocoli potenti) sia soprattutto grazie al web: attraverso pagine di osservazione collettive, con le agenzie spaziali nazionali o meglio ancora con i telescopi virtuali.

    Cosa sono?

    eros 433 asteroide

    Per chi non dispone di attrezzatura adeguata da puntare in direzione Sud-Est in prossimità della costellazione del Sestante, sotto quella del Leone, non sarà un problema visto che si potranno sfruttare i portali che mettono a disposizione il controllo da remoto di telescopi. Ovviamente non si avrà a disposizione il telescopio da muovere a piacere a colpi di mouse, ma un ambiente dove l’interazione è massima e si potrà aver a che fare con astrofisici professionisti.

    Vi segnaliamo a tal proposito il portale Virtual Telescope Project con a capo Gianluca Masi che sfrutta la tecnologia offerta dall’Osservatorio Astronomico Bellatrix di Ceccano vicino a Frosinone e più precisamente con i telescopi robotici che effettivamente permettono un controllo da remoto mediato per ottenere immagini a qualità professionali e, volendo, effettuare vere e proprie ricerche e studi astronomici.

    Appassionato di spazio? Non perderti la nostra intervista a Achille Judica Cordiglia sulla questione dei cosmonauti perduti e quella all’astronauta Paolo Nespoli che ha trascorso sei mesi in orbita sulla ISS.

    571

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Innovazioni TecnologicheInternet
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI