Il sistema KDS contro il caro benzina: rivoluzione o bufala?

Il sistema KDS contro il caro benzina: rivoluzione o bufala?
  • Commenti (4)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Leonardo Grieco kds

Si sta parlando molto di KDS in rete. E’ l’acronimo di Kinetic Drive System, una tecnologia che si prospetta come rivoluzionaria, promettendo risultati eccezionali per ridurre i consumi di benzina e per allungare la vita del motore. Insomma, una vera manna in questo periodo di profonda crisi con i costi al litro che salgono alle stelle. Peccato che puzzi di bufala da chilometri di distanza e che abbia tutti i connotati della burla – per non usare il termine truffa, visto che in fin dei conti inizia ad averne i presupposti – che sfrutta l’onda lunga del filone emotivo del momento. Come funziona e cosa promette il sistema di guida cinetica?

Prima di tutto chi sta dietro al Kinect Drive System? Tale Leonardo Grieco che di professione è meccanico e che promette di rivoluzionare il mondo dei motori con un dispositivo che per di più si può applicare ai motori già esistenti. Ovviamente il costo di questa modifica è abbastanza alto, si parla di 2000 euro che sarebbero giustificati dal fatto che sarebbero ammortizzati e recuperati negli anni dal risparmio in termini di carburante e manutenzione.

Già perché il Kinetic Drive System promette di dimezzare il consumo di carburante durante il moto della vettura e di conseguenza anche di diminuire le emissioni di particelle inquinanti del 60 per cento. Finito qui? Affatto: la vita del motore potrebbe quasi raddoppiare fino all’80 per cento garantendo così un uso notevolmente più dilatato rispetto alle prospettive attuali. Si presenta come una sorta di centralina che va a intervenire sul meccanismo della frizione. Si porta l’auto a una velocità di crociera e l’auto rimane su un numero di giri ottimale (abbassando mediamente di 700 giri), il motore si fa sentire solo nel momento in cui offre la coppia migliore, tra i 1700 e i 2300 giri.

In buona sostanza va contro le attuali leggi della fisica e della dinamica in quanto presuppone la creazione di energia dal nulla, non trasformata dunque, che va oltre ogni più rosea previsione dei propulsori moderni. Il signor Grieco denuncia anche una sorta di complotto dei produttori che starebbero boicottando la propria invenzione. Tante parole, una trama già purtroppo vista in passato. Ma la rete ha già adottato il sistema KDS.

425

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 08/02/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Francesco Pederzini
Francesco Pederzini 8 febbraio 2012 19:50

a me ricorda un pò la corazzata Potemkin….=)

Rispondi Segnala abuso
Albert 10 febbraio 2012 12:05

Interessante, ma non vorrei che sia la solita patacca all’italiana; tante parole, tante promesse ma alla fine ci si rende conto di aver perso solo tempo…e magari anche soldi…
Vedi per esempio il Dinamotor per le bici elettriche. Un sistema che, oltre a fornire assistenza alla pedalata, dovrebbe ricaricare la batteria durante la pedalata e nelle discese.
Certo si….a parole. Nei fatti però le cose sono molto diverse.
E non parliamo dell’arretratezza tecnologica applicata a queste “strabilianti scoperte”.
Paragonando i prodotti italiani a quelli tedeschi, ci si rende conto della differenza. Come dire, i primi sono mille anni indietro (altro che “l’ingegnere della Bosch non capiva nulla…”. Probabilmente faceva finta di non capire….).
Lasciamo stare va, che è meglio.
E se qualcuno vuole vedere la stupefacente invenzione Dinamotor, venga pure qui a casa, dove potrà ammirare il triciclo elettrico che si ricarica. Sempre che si accenda. Già, perchè una volta che è una lo abbiamo potuto usare, dato che allo stato attuale non dà segni di vita.
Inventiva e qualità italiane. Le conosci, e poi muori. Di rabbia.
Ciao.
m.

Rispondi Segnala abuso
Marco 11 febbraio 2012 18:53

Non è assolutamente detto che sia una cavolata, anzi…

Probabilmente sfrutta il principio della “ruota libera” http://it.wikipedia.org/wiki/Ruota_libera ed era di serie già sulla Lancia Augusta del 1933. Il problema di quella sperimentazione era che non vi era il “freno motore”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Lancia_Augusta#La_ruota_libera

Rispondi Segnala abuso
Fabio M 27 marzo 2012 21:30

Difficile comprendere il meccanismo del Kds per chi non si intende di motori, ma come ha spiegato il suo inventore: “Una volta accelerata la massa, la macchina resta su 1 numero di giri ottimale e ad ogni cambio di marcia, grazie a questo sistema, si risparmiano 700 giri motore.Infatti, mentre normalmente si scende al minimo di giri, qui si utilizza il motore soltanto quando dà la coppia migliore, fra i 1700 e i 2300 giri. Praticamente, a parte lo spunto iniziale, la macchina viaggia quasi sempre a basso regime, basta dare un colpo di gas ogni tanto e ci si mantiene a velocità di crociera. Il pedale della frizione non c’è e per cambiare si usa solo la mano”

continua su http://attualissimo.it/inventa-il-sistema-per-risparmiare-carburante-in-italia-viene-ignorato/#ixzz1qG13mrOD

Nel post precedente “in prima si parte al numero di giri basso,dalla seconda con il rapporto di coppia ideale” il kers meccanico funziona al contrario della frizione permettendo un risparmio dei giri del motore e facendolo ripartire nel momento esatto della coppia ideale del motore risparmiando 700 giri oltre ad avere una spinta e dalla potenza del motore più la potenza del kers pari al 50% del motore in modo da dare alla macchina o furgone una spinta per fargli fare la cicloide in 20 secondi (1 km percorso con la sola forza cinetica non col motore) da qui l’enorme risparmio di carburante il 50& del carburante,in città,extraurbano e autostrada.Si risparmia parecchio adatto a tutte le auto furgoni non con cambi automatici fino a 2.500 cc.
In pratica il kers meccanico(caricatosi nei 20 secondi precedenti col peso della macchina) nel momento esatto in cui finisce la cicloide fa partire il Kers da’ la spinta per 4 secondi fino alla partenza della coppia massima ideale il motore riparte fino al raggiungimento della coppia massima ideale poi ritorna al minimo dei giri se nella guida si usa il freno motore spegne il motore caricando il Kers.

Tutti i motori consumano l’80% del carburante nella fase di partenza in qualunque marcia qui invece col meccanismo del Kers spende circa solo il 20% del carburante perchè il maggiore sforzo lo fa il kers nella fase di partenza.Siccome il motore va al minimo dei giri il kers aiuta ad arrivare quasi alla coppia massima
il motore viene fatto partire in quel momento risparmiando 700 giri motore quelli che consumano di più.
Nelle marce in prima si consuma molto ogni cambiata il 10% in meno quando si è in quinta 50% e anche piu’ rispetto alla prima per questo in autostrada si consuma molto meno rispetto alla città.
Il kers Kds fa risparmiare moltissimo nel traffico cittadino normalmente :
Esempio auto o furgone 6,3 litri per 100 km sono medie ma lo potete calcolare per la vostra macchina o furgone :
………………Litri…..Consumi..KDS….Litri…
citta…………3,15……. 50%….. 25%…1,575
extraurbano.1,89……..30%……15%…0,945
autostrada…1,26……..20%……10%…0,63
totale……….6,3…………………………..3,15….il 50% in meno

La stessa macchina a benzina gasolio gpl metano e col KDS -50%
………….. consumo 1 litro…Costo…Effettivo….col Kds
Benzina……… 1……………..1,90……..1,90……..0,95
Gpl……………..1,12…………0,90……..1,008……0,504
Metano………..0,66 Kg…….0,95…….. 0,627…..0,3135
Gasolio………. 0,85…………1,90……..1,615……0,8075

qui trovate il calcolo per sapere cosa spendete con i vari carburanti immettendo la tua percorrenza in km con la tua macchina col Kds raddoppiate i risparmi se aggiungete anche gli HHO(idrogeno), i consumi scendono del 30% in pratica aumentate gli ottani per cui il carburante brucia meglio dal tubo di
scappamento non esce quasi più niente riducete l’inquinamento,
con le 2 invenzioni al costo di circa € 2.500 diminuite la spesa per i carburanti del 80% :
fate bene i vostri conti :
http://www.ecomobile.it/risparmio/risparmio_index.htm

Rispondi Segnala abuso
Seguici