Cane robot HyQ italiano per le emergenze, il San Bernardo 2.0 [VIDEO]

L'incredibile cane robot HyQ completamente realizzato in Italia che sarà utilizzato per le emergenze, una sorta di San Bernardo 2

da , il

    Un’innovazione tecnologica tutta italiana sta brillando all’importante convegno americano ICRA 2012: si tratta di uno speciale cane robotico chiamato HyQ in grado di muoversi piuttosto agilmente fino a 2 metri al secondo, che sostituirà l’uomo in situazioni particolarmente pericolose. Quali? Ad esempio in edifici pericolanti oppure in seguito a disastri naturali, insomma in tutte quelle condizioni in cui la presenza di un operatore umano potrebbe comprometterne la vita o la salute. Insomma una sorta di San Bernardo 2.0. Il cane robot HyQ saltellerà andando a compiere esplorazioni e a facilitare le operazioni. Qui sopra un video che arriva dritto dritto dalla conferenza internazionale di robotica che ha chiamato a sé le migliori novità mondiali, in Minnesota (USA). Scopriamo anche tutti gli ultimi interessanti robot usciti allo scoperto.

    Lasciate perdere gli inquietanti cani robotici coreani con coda-antenna, schermo LCD sulla schiena e lettore DVD proprio lì oppure quegli automi-Fido giocattoli che camminano, saltellano e abbaiano perché con HyQ non c’è competizione. La creazione dei ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, capitanati dal professor Darwin Caldwell del Dipartimento di Robotica Avanzata, sta ottenendo ottimi feedback in occasione dell’ICRA 2012 in Minnesota negli Stati Uniti. HyQ è l’acronimo di Hydraulic Quadruped ossia Quadrupede Idraulico che ben descrive la struttura di questo automa mosso appunto da un sistema idraulico e da quattro arti, per poter superare tutti i terreni, anche quelli più accidentati.

    La sua struttura, appunto, è complessa e decisamente imponente per il settore dato che è alto ben 1 metro e pesa 70 kg, grazie ai suoi muscoli di motori e ai suoi tendini di cavi può correre fino a una velocità di 2 metri al secondo ossia di circa 7 km/h (come una camminata a passo svelto) può anche saltare per superare ostacoli e può sollevarsi sulle zampe posteriori. Ci si è ispirati alla struttura del cane perché sinonimo di agilità e allo stesso tempo di compattezza e di resistenza. Grazie a queste capacità potrebbe salvare vite.

    HyQ potrebbe infatti essere impiegato in edifici crollati, in località dove sono avvenuti disastri naturali e quant’altro: comandato da remoto, può mostrare la scena e magari portare anche i primi aiuti. Un San Bernardo 2.0 che può adeguare il passo e la velocità del movimento delle zampe per reagire istantaneamente agli ostacoli. La sua evoluzione sarà però più distante da un cane e più vicina a una creatura mitologica visto che saranno aggiunte braccia con mani così da afferrare con precisione oggetti. A proposito di robot interessanti, ultimamente vi abbiamo parlato anche del robot polpo con tentacoli in metallo a memoria di forma e del ghepardo robotico velocissimo, sarà un futuro di robot innovativi.