Star Trek ha inventato il cellulare

Star Trek ha inventato il cellulare

Ecco una selezione di tecnologie direttamente derivate dai racconti di fantascienza, dal cellulare al tablet, dal sottomarino al braccio meccanico

da in Cellulari, GPS, Hardware, Innovazioni Tecnologiche, Mobile, libri
Ultimo aggiornamento:

    padd ipad

    Gli autori di libri di fantascienza (dall’800 in poi) hanno ispirato oggetti e tecnologie che attualmente compongono la nostra quotidianità. L’entità di questo fenomeno è molto più importante di quanto si potrebbe immaginare e a confermare questo trend ci hanno pensato, man mano, i diretti inventori coinvolti nelle piccole rivoluzioni hitech. Molti hanno apertamente dichiarato di essersi infatti ispirati a romanzi o film, pensando “E perché non provare a realizzare davvero quest’idea?“. Andiamo a scoprire un’imperdibile top ten di tecnologie attuali che sono state ispirate dalla fantascienza.

    martin_cooper cellulare primo
    Il cellulare è stato inventato da Martin Cooper, che tra l’altro telefonò dalle strade di New York direttamente ai concorrenti del laboratorio di AT&T come sberleffo. L’inventore ha dichiarato di essersi ispirato a Star Trek più precisamente osservando il capitano Kirk parlare attraverso un dispositivo portatile. La saga ha ispirato anche i tablet grazie al mitico PADD (Personal Access Display Device). Ecco tutte le altre tecnologie derivate dalla saga.

    submarine sottomarino
    Uno degli inventori della fantascienza nonché scrittore tra i più geniali fu Jules Verne che tra le tante ispirazioni portò anche quella dei sottomarini moderni (in realtà esistevano già dei prototipi, c’è da dire, ma erano un mercato di nicchia) con “20.000 leghe sotto i mari”. Visto il grande clamore del romanzo, si accelerò lo sviluppo e l’evoluzione di questi mezzi, come ad esempio con il brevetto di George Garrett nel 1878

    satellite gps costellazione
    Il Verne del ’900 potrebbe corrispondere a Arthur C. Clarke che ha ispirato un gran numero di invenzioni e tecnologie, tra queste anche l’idea di una costellazione di satelliti in grado di orbitare in un apparente modo “stazionario” rispetto alla terra, per le telecomunicazioni. Quando? Nel 1945 in un articolo del magazine Wireless World. Lo stesso autore ha ispirato Tim Berners-Lee nella creazione del world wide web: il racconto Dial F For Frankenstein del1964 parla di computer collegati in rete tra loro anche per imparare e progredire tecnologicamente.


    razzo goddart
    Lo scienziato americano Robert H. Goddard costruì il primo razzo a lunga gittata, alimentato da carburante liquido, che volò con successo il 16 marzo 1926. Affermò di essersi ispirato in seguito alla lettura della Guerra dei Mondi di H.G. Wells affermando che “Quelle parole mi hanno stimolato tremendamente“. Al momento del lancio fu quasi ridicolizzato dalla stampa, oggi è considerato uno dei pionieri dello spazio.

    waldo
    Waldo è il nome di una breve storia pubblicata da Robert A. Heinlein su Astounding Magazine nel 1942 dietro lo pseudonimo di Anson McDonald. Waldo esce da un esilio auto-imposto per un’esistenza più tradizionale e si crea un braccio meccanico per mangiare e bere. Ora Waldo è il nome di bracci meccanici utilizzati nell’industria nucleare.

    snow crash
    Il mondo virtuale di Second Life è stato creato nel 1999 da Philippe Rosedale di Linden Labs ispirato da Neal Stephenson e il suo Snow Crash dove si racconta di un software tridimensionale dove gli umani interagiscono con avatar virtuali.

    731

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CellulariGPSHardwareInnovazioni TecnologicheMobilelibri Ultimo aggiornamento: Martedì 31/05/2016 10:26
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI