Google Doodle per i fratelli Grimm con Cappuccetto Rosso

Google Doodle per i fratelli Grimm con Cappuccetto Rosso

Google Doodle in onore dei fratelli Grimm e delle loro fiabe: ecco l'imperdibile logo personalizzato del motore di ricerca più famoso al mondo, con la storia di Cappuccetto Rosso e il lupo

da in Google, Social Media
Ultimo aggiornamento:

    google doodle fratelli grimm

    Google Doodle fiabesco e davvero molto simpatico quello di oggi 20 dicembre 2012 in onore dei fratelli Grimm. Ossia Jacob Ludwig Karl Grimm (Hanau, 4 gennaio 1785 – Berlino, 20 settembre 1863) e Wilhelm Karl Grimm (Hanau, 24 febbraio 1786 – Berlino, 16 dicembre 1859). L’occasione è quella dei 200 anni dalla pubblicazione della prima collezione di storie per bambini, stiamo parlando di Fiabe (Kinder- und Hausmärchen) uscito proprio il 1812. Come potete subito rendervi conto osservando il logo personalizzato, la protagonista è Cappuccetto Rosso: sfogliando le varie “pagine” cliccando sul tondo a destra sarà possibile rivivere la storia della fiaba in perfetto stile Google.

    Il Doodle inizia con Cappuccetto Rosso che sorride già un po’ preoccupata formando la lettera O del logo del motore di ricerca. Muovendosi a destra parte la storia con la bambina che si inoltra dal paese al bosco portando con sé caffè e frutta. Supera ponti canticchiando, attraversa sentieri tra alberi innevati, oltrepassa un albero-ponte e poi incontra il lupo. Spiega all’animale di star per raggiungere la nonnina malata e qui un qualsiasi normale lupo avrebbe immediatamente sbranato la piccola senza pietà e nessuno l’avrebbe biasimato. Invece questo è un lupo particolarmente deviato e così prima fa perdere tempo a Cappuccetto Rosso invitandola a cogliere qualche fiore (nella neve) per la nonna che avrebbe sicuramente apprezzato, poi corre lui stesso verso la casa dell’anziana.

    Bussa alla porta fingendosi la bambina, la vecchia apre e viene mangiata anzi ingoiata senza masticare con ancora tutto il necessaire per la lunga sciarpa di lana che stava componendo.

    È poi il turno di Cappuccetto Rosso che giunge alla casa della nonna e da lì parte il celebre surreale dialogo con la bambina evidentemente con gravi problemi di vista (o di mente, o entrambi) che non si accorge di star parlando con il temibile predatore. Viene così giustamente mangiata, anzi pure lei ingoiata dal lupo-anaconda. Il lupo poi si addormenta con la pancia piena e inizia a russare sonoramente tanto da attirare l’attenzione di un boscaiolo, che entra in casa, poi nella stanza, vede un pezzo della sciarpa sbucare dalle fauci del lupo e non ci pensa troppo su tirando uno strattone e salvando l’anziana e la nipote.

    Poi le suona al lupo, che viene mandato in prigione, mentre Cappuccetto Rosso viene accompagnata verso il paese. Fine: la scritta Google è composta da una nuova sciarpa viola tessuta dalla nonna. Insomma un divertente Doodle che vede uno dei grandi classici delle fiabe e molto probabilmente la storia più conosciuta dei fratelli Grimm – divisi solo da un anno di età – che avevano iniziato a scrivere 200 anni fa. Quale sarà l’ultimo Doodle del 2012? Riviveteli tutti grazie alla nostra collezione completa.

    492

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GoogleSocial Media
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI