NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

#CoglioneNo per i diritti di creativi e freelance online [VIDEO]

#CoglioneNo per i diritti di creativi e freelance online [VIDEO]

#CoglioneNo è l'intelligente e provocante video per i diritti di creativi e freelance online che troppo spesso sono sfruttati in modo subdolo e insopportabile, venendo sottopagati o addirittura non pagati affatto

da in Internet, Social Media
Ultimo aggiornamento:
    #CoglioneNo: il video a difesa dei creativi

    Ha fatto rapidamente il giro del web la campagna #CoglioneNo promossa a tutela di creativi, freelance del web e in generale dei cosiddetti wwworkers ossia di tutte quelle persone che lavorano in rete, ma che spesso e volentieri non sono adeguatamente (se non affatto proprio) pagate. La provocazione è intelligente, acuta e diretta: cosa capiterebbe se si rispondesse a un qualsiasi lavoratore (come un idraulico ad esempio) che invece che pagarlo con soldi gli si regalasse visibilità sui social network, citazioni, tag e insomma si ricompensasse con strumenti per aumentare l’autorevolezza dato che “non c’è budget”? Ovviamente sembra una situazione e una soluzione improponibile. Per tutti? No, perché per i creativi è una cantilena sentita troppo spesso.

    Pur essendo parte integrante della vita lavorativa e non da almeno un decennio il web è ancora considerato più una terra di svago più che un ambiente “serio”. Di conseguenza, molte persone che ci lavorano e che portano la pagnotta a casa non vengono adeguatamente riconosciute per la propria professionalità. Quasi che a realizzare un progetto creativo sul web sia un passatempo, qualcosa di più divertente che utile e che dunque non meriti un pagamento tradizionale come un qualsiasi altro lavoro. Ingenuità-ignorante oppure subdola e cattiva strategia pensata a priori?

    Un po’ una e un po’ l’altra, ma più la seconda che la prima dato che un “fornitore di lavoro online” conosce benissimo le tempistiche e sa perfettamente quanto costi un progetto anche se “intangibile” e visualizzabile solo attraverso lo schermo di un computer. Ma al tempo stesso è ben consapevole dei guadagni che regala, in termini di “dindi”. Tuttavia spesso si sfrutta la poca esperienza dei creativi e anche il momento di crisi per mettere su un’insopportabile impalcatura di scuse per non sganciare l’adeguato compenso.

    E così lo studio Zero di Stefano De Marco, Niccolò Falsetti e Alessandro Grespan (che sta per presentare anche il documentario Erasmus 24_7) ha voluto avvicinare più persone possibili a questo problema che forse risulta sottovalutato alla massa.

    Con uno stile accattivante, divertente e veloce e un messaggio chiaro e perfettamente comprensibile, la campagna sta spopolando online, vogliamo anche noi contribuire alla viralizzazione. D’altra parte coglioneNo, creativo sì.

    386

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InternetSocial Media
    PIÙ POPOLARI