Natale 2016

Android Root: come fare e perché

Android Root: come fare e perché
da in Android, Guide HiTech
Ultimo aggiornamento: Martedì 31/05/2016 10:25

    android root come fare perche

    Android Root: come fare e perché? Poter disporre del Root e quindi del massimo grado di permessi per la gestione del sistema è molto vantaggioso, perché ci permette di installare dei programmi aggiuntivi o di estendere tutte quelle funzionalità in base alle nostre esigenze. E in effetti sono molti i vantaggi che porta il Root. Basta saperli utilizzare a seconda delle proprie necessità, dal controllo totale del dispositivo al backup completo. Vi proponiamo la procedura per effettuare il Root sul vostro dispositivo Android, in modo da poter essere avvantaggiati nell’uso che ne fate.

    Per eseguire il Root sul nostro dispositivo Android, dobbiamo scaricare un programma gratuito, che si chiama unlockroot. Per prima cosa scarichiamo il programma e installiamolo sul PC. Poi proseguiamo in questo modo:

    • Colleghiamo il dispositivo mobile al computer e abilitiamo sul telefono la modalità debug.
    • Il programma che abbiamo installato rileverà lo smartphone. Premiamo il pulsante che riporta la scritta “Root” per far partire il rooting.

    Fare il Root del dispositivo Android porta a dei notevoli vantaggi. Il primo di essi consiste essenzialmente nel poter controllare in maniera completa il nostro dispositivo mobile, per avere la possibilità di avere accesso ad ogni file di sistema, senza alcuna limitazione. Ma non si tratta soltanto di questo, visto che i permessi di Root consentono anche di effettuare un backup completo, creando copie di sicurezza che possono essere molto utili per salvare tutti i dati che più ci interessano. Attraverso il Root si possono eseguire delle applicazioni speciali, fra le quali ne possiamo ricordare almeno una. Basti pensare, in questo senso, allo Startup Manager, che consente di far acquistare al nostro sistema operativo una maggiore rapidità nell’esecuzione dei compiti. Naturalmente dobbiamo stare attenti e pensarci bene, prima di eseguire il Root. In effetti non bisogna dimenticare che, con il Root, si perde la garanzia dello smartphone. Ecco perché bisogna valutare sempre se sia il caso oppure se sia opportuno lasciar perdere. Dopo aver eseguito la procedura di rooting possiamo anche modificare la frequenza del processore o fornirgli le istruzioni esatte, in modo che possa scalare la sua frequenza. Inoltre, fra le altre utilità che possiamo ricavarne, il telefono può essere utilizzato anche come modem UMTS/Wi-Fi/Usb. Per molti aspetti conviene proprio eseguire il Root. Se ritenete che possa fare al caso vostro, cimentatevi pure.

    481

    Natale 2016

    ARTICOLI CORRELATI