NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Foto storiche con zoom su particolari sorprendenti [FOTO]

Foto storiche con zoom su particolari sorprendenti [FOTO]

Basta un po' di zoom e si scoprono particolari davvero sorprendenti nelle foto storiche più famose, ecco una collezione di immagini da scandagliare per bene

da in Internet, Social Media
Ultimo aggiornamento:

    Sul web è possibile scorrere su migliaia se non milioni di foto storiche liberamente consultabili. Basta un mouse e uno schermo abbastanza definito, magari anche un software per manipolare le immagini nemmeno troppo elaborato e si apre un mondo sorprendente: stiamo parlando dei particolari inaspettati in immagini anche di oltre un secolo e mezzo fa. A volte basta uno zoom. Date ad esempio un’occhiata a questa foto di una squadra di Baseball del 1886. Notate niente di strano? Guardate meglio l’uomo baffuto in alto a sinistra, il primo e poi concentratevi sulla sua mano sinistra. Sì, il buon Charles “Old Hoss” Radbourn è la prima persona fotografata a mandare a quel paese l’osservatore mostrando il dito medio, e non era nemmeno la prima volta.

    Infatti Charles era un gran burlone e mostrò nuovamente il medio anche nella sua foto “singola” da figurina:
    Charles Old Hoss Radbourn

    boulevard du temple
    Ve ne abbiamo già parlato, non è un ritratto bensì un panorama cittadino con un uomo che se ne sta con la gamba appoggiata leggermente in alto, probabilmente perso nei propri pensieri. Oppure come in attesa che la propria scarpa venisse lustrata. È il Boulevard du Temple, realizzato da Louis Daguerre nel lontano 1848 nella preistoria della fotografia, con i dagherrotipi. In realtà sembra ci siano altre persone, appena visibili, sul marciapiede nel lato sinistro dell’immagine: zoomando e manipolando lo scatto si vedrebbe un uomo e un bambino con un cane. Di certo, però, la figura centrale rimane la più sicura e inequivocabile.

    August Landmesser
    Durante le parate dell’esercito nazista o comunque al passaggio di Adolf Hitler, il popolo tedesco doveva ovviamente stendere il braccio e salutare a mano tesa il Fuhrer.

    Chi si rifiutava rischiava grosso, ma nella foto qui sopra (del 1936, per il varo di una nave da guerra) si può osservare chiaramente un uomo che non solo incrocia le braccia, ma che “indossa” un’espressione tipicamente di sfida. Chi era il coraggioso? Si chiamava August Landmesser e poco dopo questa foto fu arrestato perché tentò di sposare una donna ebrea. Purtroppo né lui né la sua metà sopravvissero al conflitto, ma le due figlie sì e nel 1991 una di loro riconobbe il padre proprio in questa foto, raccontando la sua struggente storia al mondo.

    Odeonsplatz Hitler
    A proposito di Germania nazista e di Hitler: un giovane Adolf, con già i baffetti e la pettinatura che lo resero tristemente noto appare tra la folla. Era il 2 agosto del 1914 e l’allora 26enne Hitler era tra la gente scesa in piazza a Monaco di Baviera (a Odeonsplatz) per festeggiare l’annuncio della discesa in campo per la Prima Guerra Mondiale. La foto fu scattata da Heinrich Hoffmann, che poi divenne il fotografo personale di Hitler: nel 1932 fu proprio il Fuhrer a rivelare di essere stato in piazza quel giorno così Hoffmann analizzò i negativi individuandolo. C’è chi crede, però, che sia stato uno dei primi esempi di “photoshopping“.

    tank man
    In italiano è conosciuto come il “rivoltoso sconosciuto”, nel resto del mondo come “Tank Man“: stiamo parlando del giovanissimo ragazzo che, con una busta di plastica da una parte e la giacca dall’altra, riuscì a fermare – per un po’ – i carri armati cinesi diretti a piazza Tienanmen. La foto qui sopra lo ritrae sullo sfondo, pochi secondi prima del celebre scatto che lo ha reso immortale. Il fotografo era piazzato sulla grande avenue di Chang’an, a due passi da piazza Tienanmen, il 5 giugno 1989.

    756

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InternetSocial Media
    PIÙ POPOLARI