Under The Series: l’ultimo episodio è online

Under The Series: l’ultimo episodio è online

Online il decimo e ultimo episodio di Under, la popolarissima web serie tratta dal romanzo di Giulia Gubellini e interpretata da Gianmarco Tognazzi, Giorgio Colangeli, Chiara Iezzi, Valentina Bellè, Matteo Martari e Jose Dammert con la regia di Ivan Silvestrini

da
Ultimo aggiornamento:
    Under: il trailer della web series

    Under, web serie di 10 episodi scritta e girata da Ivan Silvestrini, è online dal 25 Giugno; guarda l’ultimo episodio online dal 3 settembre. Tutt’altro dalle solite serie tv patinate e confezionate per il grande pubblico televisivo, Under, concepita e prodotta per il web, narra la sua realtà liberamente, senza restrizioni di sorta. A confermarne l’originalità, una trama avvincente e insolita: in un’Italia post-crisi pervasa dalla violenza regna sovrana una feroce dittatura militare, pronta a soffocare nel sangue qualunque atto di ribellione. I sovversivi pagano con la vita, costretti alla gogna mediatica di Orwelliana memoria.

    Il paese è devastato dalla violenza, la gente è allo sbando, senza casa, senza lavoro, privata del bene più prezioso, la libertà di pensiero. In questo contesto già di per sé disumano l’Autorità provvisoria, a monito pubblico, decide di spettacolarizzare, tramite un reality show, l’esecuzione dei soggetti antisociali, costretti a una convivenza forzata in un bunker disperso tra le Alpi. Un “Grande Fratello” di Orwelliana memoria, che segue passo passo la lenta e raccapricciante agonia di 13 ragazzi, in un’escalation di violenza che porterà alla loro morte. Questa l’inquietante trama della web serie “Under”, ospitata in esclusiva su Nanopress a partire dal 25 giugno, data in cui uscirà il romanzo omonimo di Giulia Gubellini, da cui la web serie trae ispirazione. Uno scenario apocalittico di grande attualità, che dà chiaramente voce a un diffuso pessimismo nei confronti del futuro, complice la recente crisi di carattere globale.

    Tutt’altro che una normale serie tv, Under è un prodotto nato e concepito per l’esigente pubblico del web. Basta dare un’occhiata al trailer per rendersi conto che il risultato è eccellente, complice il talento del giovane film-maker Ivan Silvestrini e un cast di tutto rispetto, che ha visto avvicendarsi sul set interpreti più e meno noti: Gianmarco Tognazzi, Giorgio Colangeli, Chiara Iezzi, Valentina Bellè, Matteo Martari e Jose Dammert. Trasporre in chiave cinematografica una trama così complessa non è stato certamente un compito facile, come confermato dallo stesso regista: “Fare una web serie vuol dire avere a che fare con un pubblico molto diverso da quello della televisione, perché non fruisce passivamente la programmazione della tv ma si va a cercare i contenuti e le storie che più gli interessano di sua spontanea volontà. È un pubblico sicuramente più esigente, molto spesso non ti concede una seconda possibilità. Se quello che fai li diverte, li attrae e li ipnotizza continueranno a seguirti, se invece saranno annoiati smetteranno dopo pochi istanti di guardare il video e passeranno ad altro, quindi scrivere e dirigere per il web è una sfida molto entusiasmante perché ti costringe a confrontarti con la tua tecnica di narrazione e la tua capacità di tenere il pubblico incollato allo schermo.” uno scenario postbellico, fra rovine senza tempo e paesaggi sinistri dove le città non hanno più neanche un nome, ma vengono identificate da cifre (06 Roma, 02 Milano…), una suprema autorità relega in un bunker chi si è macchiato di colpe che vanno dallo spirito sovversivo alla disobbedienza. Non è Hunger games, non è Divergent, ma un prodotto completamente italiano, Under, accattivante per i contenuti, e nuovo per la modalità d’uscita. «Under» è un libro di Giulia Gubellini che uscirà per Rizzoli il 25 giugno, ma anche una serie web di dieci puntate che lo stesso giorno farà la sua comparsa online su Nanopress.it. Diretta da Ivan Silvestrini, è interpretata da Giorgio Colangeli con giovani come Chiara Iezzi, Valentina Bellè, Matteo Martari, capitanati da Gianmarco Tognazzi.

    «Quando ho letto il testo — ricorda Michele Rossi, responsabile editoriale narrativa italiana Rizzoli — ho avuto un sussulto. Al confronto Twilight è roba vecchia! I coetanei di Giulia, bolognese di 23 anni, possiedono un immaginario già costruito per il web. Forzare la tiratura non avrebbe avuto senso, così abbiamo pensato a questo tipo di lancio, da editoria indipendente. Pochi soldi, infinita passione».

    Conferma Tognazzi, che non certo mirando al cachet si è buttato a capofitto nel ruolo di trait d’union fra l’autorità provvisoria e la sfida fra reietti, culminante nella pena capitale: «Ho accettato sull’onda dell’entusiasmo. Le serie web rappresentano un mercato alternativo con numeri superiori alla tv.

    Milioni di clic che a volte hanno il potere di fare da traino per il cinema, penso al blogger Frank Matano chiamato da Paolo Ruffini per il suo film. Forse sono io 2 , con la mia partecipazione, è stata poi richiesta da Mtv. La Rete offre grande libertà. Sarebbe difficile per un prodotto come Under trovare subito un interlocutore in tv».
    Qui in più c’è quell’abbraccio bizzarro fra tecnologia, fantasy, editoria… «Se funzionerà, raccoglieremo i frutti. Io quando sento aria di novità mi butto a pesce». Sembra di rivedere il padre Ugo: «Vero. La donna scimmia e L’ape regina nacquero come scommesse». Ride: «Almeno stavolta il ruolo del cattivo me lo sono scelto da me! Non ci si aspetti di vedermi con un microchip nel cervello. L’ambientazione è sobria e essenziale. Non siamo nella fantascienza, ma in un futuro dove il progresso tecnologico consente un completo controllo della società».

    «Ciò che più fa presa sui teenager dell’urban fantasy — analizza il talentuoso Ivan Silvestrini, consacrato regista di culto dalla serie web Stuckè il racconto epico del passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Ma non è solo un romanzo di formazione. Nel mio adattamento una controparte adulta mostra la possibile faccia dei totalitarismi del futuro, non altrove, ma qui in Italia. Il web è un Far West delle possibilità. La domanda è enorme. Va stimolata». Dietro l’operazione, la triplice alleanza fra la società Anele di Gloria Giorgianni, Rcs e Trilud. «Con un circuito virtuoso e innovativo diamo una mano ai giovani talenti», osserva la produttrice. Dal 25 giugno la prima delle dieci puntate con cadenza settimanale, e una pausa ad agosto. Già un gran seguito per il casting online.

    GUARDA L’ULTIMO EPISODIO!

    1059

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN
    PIÙ POPOLARI