Natale 2016

I 10 gadget e trend hitech migliori del 2014

I 10 gadget e trend hitech migliori del 2014
da in Gadget
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 01/06/2016 09:11

    Apple Pay

    Abbiamo selezionato i 10 gadget e i trend tecnologici del 2014. Il 2014 è stato un anno di consolidamento di certe tendenze, ad esempio i dispositivi indossabili e gli smartphone con schermi generosi (Nexus 6, iPhone 6 Plus), e di nuovi gadget e servizi che si sono imposti in buona parte del mondo. Abbiamo assistito alla diffusione dei pagamenti digitali, delle stampanti 3D e di Bitcoin come moneta sempre più supportata; le società cinesi sono ormai una vera e propria ombra sull’intera industria tecnologica.

    Smartwatch

    I dispositivi indossabili sono stati una delle mode principali del 2014. Tra gli smartwatch Android di Samsung, LG, Sony e Motorola, lo smartband di Microsoft, l’Apple Watch annunciato per il 2015 e il consolidamento dei braccialetti dedicati al fitness di Jawbone e Fitbit, la tecnologia da polso è sempre più in voga. Gli analisti indicano Apple come principale apripista per riuscire ad aprire questo mercato, ancora abbastanza di nicchia soprattutto per quanto riguarda gli smartwatch.

    PlayStation 4

    PlayStation 4 e Xbox One non sono state commercializzate nel 2014, ma di certo hanno rafforzato la propria posizione. Soprattutto Sony ha dimostrato che un marketing diretto ai videogiocatori e una console semplice, rispetto alla struttura “all-in-one” di Xbox One, può pagare e a settembre ha superato i 13 milioni di unità vendute. In generale, il mercato videoludico è più forte che mai, trainato dalle console di nuova generazione.

    I pagamenti diventano sempre più digitali. La maggior parte degli smartphone integra un chip NFC compatibile. iPhone 6 e iPhone 6 Plus hanno portato avanti questa modalità per la prima volta e Apple ha persino annunciato il sistema di pagamento digitale Apple Pay con iOS 8.1. Facebook e Twitter si stanno muovendo per agevolare lo scambio di soldi tra utenti ma in sicurezza. WeChat, applicazione di messaggistica molto popolare in Cina, già lo permette e anche Snapchat si sta muovendo tramite accordi con Square.

    Bitcoin

    Bitcoin è sempre a rischio: la valuta è molto volatile e non esiste ancora una regolamentazione regolare e diffusa. Ciononostante, è una chiara realtà. Basti pensare che, almeno negli Stati Uniti, sia i negozi di Microsoft che Expedia la accettano per i pagamenti online. Inoltre, PayPal si sta muovendo per integrare anche Bitcoin e nel mondo sono state installate alcune postazioni pensate per scambiare gli euro in Bitcoin.

    Phablet

    La moda degli smartphone del 2014 è stata senza dubbio l’allargamento dello schermo: ogni top di gamma ha uno schermo da almeno 5 pollici ma si superano anche i 5,5 pollici. Persino Apple, sempre dedicata alla portatilità dei suoi dispositivi, ha abbracciato la dimensione da 5,5 pollici per il modello iPhone 6 Plus e ha aumentato la dimensione base a 4,7 pollici. LG G3 ha uno schermo da 5,5″, Nokia Lumia 1520 e 1320 arrivano fino a 6 pollici. Anche Google Nexus 6 ha uno schermo ampio da 6″.

    Uber

    Anche Uber, come Bitcoin, ha fatto molto parlare di sé sia in positivo che in negativo. Quel che è certo, però, è il volume di introiti che l’applicazione mobile ha fatto registrare, pari a un giro di affari di circa 10 miliardi di dollari. È riuscita ad attirare grossi finanziatori come Google e Baidu e continua a essere molto usata a livello mondiale. Non sono mancate le proteste, all’estero come in Italia, da parte dei tassisti tradizionali.

    Netflix

    Diminuiscono i volumi dei brani e dei film scaricati (legalmente) dai principali negozi mentre le applicazioni di streaming, musicale e televisivo, sono cresciute di oltre il 130% rispetto al 2013. Servizi come Spotify e Deezer per la musica hanno danneggiato il sistema di iTunes mentre Netflix, che potremmo vedere in Italia nel 2015, ha dato un duro colpo ai download di film e telefilm. Si muovono anche i colossi della televisione come Sky e Mediaset senza dimenticare servizi come la TIM Vision di Telecom Italia.

    Droni

    I droni sono uno dei gadget più interessanti nonché uno dei trend più in voga negli Stati Uniti. Amazon sogna di poter consegnare direttamente sull’uscio di casa il pacco appena acquistato dal consumatore tramite i droni mentre Google pianifica di spedire risorse utili come medicine e cibo nelle zone di difficile gestione umanitaria. Secondo le stime, entro il 2020 saranno circa 30mila i droni che voleranno nei cieli USA. Ma manca ancora una regolamentazione a riguardo.

    Stampanti 3D

    Un tempo oggetti costosi, le stampanti 3D sono divenute nell’ultimo anno sempre più compatte ed economico e la DeAgostini ne ha persino organizzato una raccolta settimanale da costruire pezzo dopo pezzo. In tutto il mondo, si lavora con la stampa 3D per rivoluzionare tantissimi campi: l’edilizia per ridurre i costi, la medicina stampando organi funzionanti e persino armi e proiettili sono stati stampanti negli Stati Uniti. Ce n’è persino una sulla Stazione Spaziale Internazionale insieme a Samantha Cristoforetti.

    Tecnologia made in Cina

    La Cina si sta imponendo come principale produttore di tecnologia. Parlando di smartphone, Huawei, Lenovo e Xiaomi stanno diventando sempre di più marchi globali e la Cina stessa rappresenta un mercato su cui le grandi aziende occidentali, Microsoft, Google e Apple in primis, vogliono inserirsi il prima possibile. Anche Alibaba, colosso del commercio online in Cina, ha fatto parlare di sé con l’IPO di settembre e secondo indiscrezioni prepara un accordo con Apple per i pagamenti mobile in Cina.

    1180

    Natale 2016

    ARTICOLI CORRELATI