Fast Radio Burst, un misterioso segnale radio dallo spazio

L'universo diventa ogni giorno un posto più curioso

da , il

    Curiosità scientifiche

    Secondo i ricercatori, l’ultimo misterioso segnale dallo spazio, noto come Fast Radio Burst (FRB), proviene da 5,5 miliardi di anni luce dalla Terra. Un’enormità. Gli scienziati ancora discutono e studiano cosa potrebbero essere questo segnali dalle profondità cosmiche al punto che Emily Petroff ha confessato che “nessuno sa cosa farne” a causa della scarsità di informazioni a riguardo. La prima scoperta “attiva” nel 2007 mentre l’ultimo in ordine cronologico è stato catturato in tempo reale.

    Alcuni ricercatori hanno annunciato di aver rilevato un misterioso segnale radio dallo spazio, noto nella comunità scientifica come “Fast Radio Burst”. Si tratta, senza entrate troppo nel merito tecnico, di un potente segnale che, probabilmente, viene lanciato dallo spazio profondo. La difficoltà della sua rilevazione è causata dall’enorme velocità con cui viaggia: pochi millisecondi di tempo per “scoprirlo” prima che sia svanito per sempre. Ma da cosa sono causati per FRB? “Le teorie puntano su una connessione con un tipo di oggetto molto compatto, come stelle di neutroni o buchi neri. I burst potrebbero essere connessi a collisioni o ‘terremoti stellari‘. Ora sappiamo meglio cosa dovremmo cercare”, ha spiegato Daniele Malesani, ricercatore presso il Niels Borh Institute dell’Università di Copenaghen.

    Altre considerazioni di Malesani: “Utilizzando il telescopio spaziale Swift possiamo osservare la luce nella regione dei raggi-X e abbiamo visto in quella posizione due fonti di raggi-X. Abbiamo trovato cosa non è. Il lampo potrebbe aver emesso in pochi millisecondi tanta energia quanto il Sole in un intero giorno. Ma il fatto che non abbiamo visto luce in altre lunghezze d’onda elimina diversi fenomeni astronomici che sono associati con eventi violenti come i lampi di raggi gamma da stelle e supernove, che altrimenti sarebbero state delle possibili fonti del lampo”. Insomma, è stato solo un colpo di fortuna? Non proprio. Da quando furono rilevati la prima volta da un telescopio in Porto Rico nel 2007, i FRB sono stati costantemente inseguiti dagli scienziati. Sono stati predisposti 12 telescopi tra la Terra e lo spazio per scoprire nuovi FRB.

    Stando a Emily Petroff, ricercatrice presso la Swinburne University di Melbourne, qualsiasi cosa abbia causato questo FRB è avvenuta a 5,5 miliardi di anni luce di distanza. “Si tratta di qualcosa che non è mai stato misurato prima. Tutte le idee sono molto esotiche per cui escluderle è tutto ciò che possiamo fare al momento. Nessuno sa cosa farne” ha confessato facendo riferimenti a quanto poco sappiamo di questi lampi radio.