Becoming Steve Jobs: la nuova biografia

Becoming Steve Jobs: la nuova biografia

L'ex-amministratore delegato di Apple Steve Jobs è protagonista di una seconda biografia: "Becoming Steve Jobs"

da in Apple, Steve Jobs
Ultimo aggiornamento:

    Becoming Steve Jobs

    Di Steve Jobs se ne parla ancora e l’interesse attorno alla figura del co-fondatore di Apple, deceduto nel 2011, ha permesso di partorire una seconda biografia, dal titolo “Becoming Steve Jobs“, scritta da due giornalisti del settore. Rispetto a quella di Walter Isaacson, la nuova biografia vuole concentrarsi sull’evoluzione di Jobs dopo che è tornato ad Apple ed è passato da giovane imprenditore all’uomo simbolo di una delle aziende più valutate al mondo.

    Becoming Steve Jobs” è l’ultima biografia relativa al co-fondatore di Apple scritta dai giornalisti Rick Tetzeli e Brent Schlender, che hanno avuto molte occasioni di incontrare Jobs nel corso della loro carriera lavorativa. Non è il primo libro dedicato alla vita di Jobs. “Steve Jobs” di Walter Isaacson è già nei negozi, ma “Becoming Steve Jobs” è particolarmente atteso perché approvato anche da Apple stessa, che sui social network ha spesso pubblicato alcuni estratti del libro.

    La biografia di Steve Jobs

    Intervistato dal The Wall Street Journal in merito al libro, Rick Tetzel ha dichiarato: “In pratica, non c’è mai stato niente che ha documentato come lui è cambiato” in riferimento a quanto già scritto da Isaacson. “Ho sentito che lo stereotipo dell’uomo per metà genio e per metà antipatico sin dalla nascita sia rimasto in giro – si basava sui suoi primi anni ad Apple ed è durato di più principalmente perché dopo il 1987 ha ristretto le interviste perché aveva affinato il suo approccio”. Schlender ha sottolineato che dopo un’iniziale riluttanza, alcuni dirigenti di Apple hanno contribuito alla stesura del libro aggiungendo particolari del loro rapporto con Jobs. In particolare, Tim Cook, attualmente amministratore delegato di Apple.

    Steve Jobs

    Steve Jobs, anche quando è stato licenziato per poi tornare dopo l’acquisizione di Next, è sempre stato il simbolo di Apple. Ora che lui non c’è più, Tim Cook ha preferito mandare avanti molti altri dirigenti durante le presentazioni. “Apple non ha un altro Steve da usare come simbolo pubblico” ha riferito Schlender. “Nessuno ce l’ha. Era un talento unico in questo senso. Il nostro libro non prova nemmeno a speculare su Apple dopo la morte di Steve. Il nostro solo intento è di spiegare perché è stato più efficiente alla fine della sua vita di quanto lo sia stato quando era un giovane imprenditore”. In Italia non è ancora disponibile in formato fisico, ma può essere scaricato in lingua inglese al prezzo di 12,99 euro sui Kindle.

    464

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleSteve Jobs
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI