Google Foto: test del servizio di storage illimitato e gratis

Google Foto: test del servizio di storage illimitato e gratis
da in Google, Social Media
Ultimo aggiornamento: Giovedì 25/06/2015 09:11

    google foto

    Google ha di recente lanciato un’altra novità. E’ in occasione dell’ultima Google I/O che il marchio di Mountain View ha presentato la nuovissima versione del suo servizio Google Foto. Mentre inizialmente questo era dipendente del social network dell’azienda, Google ha scelto di scindere i due servizi e ha considerevolmente migliorato quello relativo alle foto. L’applicazione disponibile su iOS e Android si rifà il look e una versione web è anche arrivata. Aggiungete a questo dei software per gestire l’invio della vostra galleria fotografica in rete e abbiamo forse un futuro trend per tutte le persone che vogliono salvare i loro ricordi online. Ma quindi, cosa vale Google Foto?

    Quando apriamo l’applicazione Google Foto e questo da qualsiasi supporto, ci ritroviamo con un’interfaccia appurata dove predomina il colore bianco. Gli osservatori noteranno che l’ispirazione sarà venuta sicuramente dalla galleria fotografica di iOS: l’applicazione Apple propone anche un’estetica sotto forma di cronologia e non sotto semplice forma di una lista come lo era prima. Nel primo utilizzo, Google Foto vi proporrà di stoccare le vostre foto e i vostri video in uno spazio di stoccaggio in cloud. E’ il principale interesse del servizio che è stato messo in avanti da Google. Ogni utente può salvare in maniera illimitata la sua gallery in alcune condizioni: le foto non devono avere una dimensione superiore ai 16 megapixel e i video dovranno essere registrati in 1080p massimo. Nel caso contrario, questi file andranno a superare i 15GB offerti da Google. Se scegliete di lasciar fare al servizio lo stoccaggio, questo qui lo farà dal momento in cui sarete collegati ad una rete Wi-Fi al fine di risparmiare sul traffico dati. Per quanto riguarda le foto che sono sul vostro computer, vi serve scaricare Photos Uploader (disponibile per Mac e PC) e di configurarlo selezionando i file da mandare. Il software non ha un’interfaccia vera e propria, si tratta di una finestra di menu con i parametri solamente. Per accedere alle vostre foto dal browser, dovrete collegarvi al sito: https://photos.google.com.

    Google Foto apporta anche un nuovo “assistente” che vi spiega le svariate funzionalità dell’applicazione. Meglio ancora, è in grado di realizzare dei montaggi e delle animazioni a partire dalle vostro foto e video in modo automatico. Ricevete poi una notifica ogni qual volta un nuovo montaggio è disponibile. Per questo, l’assistente utilizza elementi che trova su svariate foto e video per tenersi solo i momenti migliori. Sebbene le scelte non siano sempre pertinenti, i risultati sono abbastanza convincenti. I montaggi beneficiano di qualche effetto come gli effetti di luce o quadri. La funzionalità più originale rimane però la creazione automatica di storie. Si tratta di album interattivi creati automaticamente a seconda di un luogo o di un evento e che possono essere condivisi con i propri contatti. Sorprese anche per quanto riguarda le ricerche: il servizio è in grado di classificare le vostre foto a seconda del soggetto. E’ tra l’altro molto intrigante: se scrivete la parola “cibo” nella barra di ricerca, ottenete solo le foto in questione. La stessa cosa succederà se cercate un luogo e che le vostre foto sono geolocalizzate. Ma Google Foto non è perfetto e alcune foto possono trarre in inganno l’algoritmo di Google. Abbiamo ad esempio cercato la keyworkd “mare”. La seconda foto rappresenta una vista di Parigi che è stata considerata da Google come un paesaggio che si trova in riva al mare, forse a causa dei suoi colori.

    Il servizio Google Foto presenta ancora qualche difetto legato alla sua giovane età. Mentre le applicazioni rimangono molto stabili nel loro insieme, alcune azioni richiedono molte manipolazioni per essere eseguite. E’ il caso della cancellazione di un gruppo di foto che rimane molto fastidiosa. La selezione delle immagini è lunga e molto intuitiva soprattutto sulla versione web. Ovviamente, questo servizio dovrebbe migliorarsi col passare del tempo e ottenere nuove funzionalità extra per convincere gli utenti ma non bisogna scordare l’aspetto principale: è evidentemente l’offerta di stoccaggio illimitato che fa brillare Google Foto. Google risponde alle ricerche prima che si finisca di digitarle

    803

    ARTICOLI CORRELATI