Plutone è stato raggiunto con il processore della prima PlayStation

Sembra quasi folle, ma sì, la sonda New Horizon della NASA che è arrivata fino a Plutone passando per l'intero sistema solare ha usato lo stesso processore che Sony sfruttò per realizzare la prima PlayStation

da , il

    CPU PlayStation per New Horizon

    Abbiamo conosciuto meglio Plutone grazie al lavoro della sonda New Horizon. Una piccola curiosità su di essa: per raggiungere questo importante obiettivo spaziale, gli ingegneri della NASA hanno sfruttato lo stesso processore che Sony adottò per la prima console PlayStation. Da Crash Team Racing e Final Fantasy VII a un viaggio su Plutone, lungo 4,8 miliardi di chilometri. Ogni elemento hardware è stato controllato da questa CPU, come il monitoraggio dei sensori o la fondamentale trasmissione dei dati.

    La NASA ha preferito usare la CPU (MIPS R3000) della prima PlayStation in quanto era un hardware già consolidato, “testato e ritestato”; una tecnologia più recente e sperimentale avrebbe potuto mettere a rischio la missione, che ci ha restituito immagini di Plutone mai viste e in alta qualità. La NASA comunque non è nuova a queste scelte. Per la missione Orion, quella che porterà in futuro esseri umani su Marte, l’agenzia spaziale statunitense sta usando un processore IBM del 2002.