Ig Nobel 2015: le ricerche più assurde dell’anno

Ig Nobel 2015: le ricerche più assurde e divertenti dell'anno che subito fanno ridere, ma che poi fanno anche riflettere visto che sollevano importanti questioni e applicazioni

da , il

    Caro e vecchio premio Ig Nobel, anche per il 2015 ci ha riservato chicche davvero imperdibili che vanno da studi sul perché le punture di ape sono così dolorose a metodi molto particolari per le allergie ossia i baci. Non manca un creativo italiano che ha ritirato un premio per la sua trovata, se così possiamo dire, originale. Come spesso accade, i vincitori sono stati premiati sul palco anche da personaggi eminenti del campo scientifico, come premi Nobel, quello vero. Scopriamoli tutti ricordando che il motto è “scoperte che prima fanno ridere, ma poi fanno riflettere”.

    CHIMICA – L’UOVO BOLLITO

    L’uovo ha ispirato uno studio che parte dalla domanda se bollirne uno può consentire di tornare indietro alla condizione precedente. La risposta è a sorpresa sì grazie a una speciale trovata che utilizza un composto organico e una centrifuga e che separa le proteine che sono state legate tra loro dopo la cottura in acqua bollente. Il procedimento arriva dal team guidato da Colin Raston. Risate a parte, potrebbe avere utilizzi anche nelle cure tumorali.

    FISICA – IL TEMPO PER LA PIPI’

    Sono 21 i secondi che i mammiferi impiegano per urinare: è questa la verità che viene spiegata dal Georgia Institute of Technology studiando un campione molto variegato di animali, compreso l’uomo. Non importa se piccini o giganti, alla fine ci si muove intorno a quella tempistica di espulsione. Questo studio potrebbe avere importanti implicazioni nella diagnosi di problemi alle vie urinarie oltre che nei sistemi di smaltimento dell’acqua.

    FISIOLOGIA – IL DOLORE DELLE PUNTURE D’API

    Qual è il posto più doloroso dove essere punti da un’ape? C’è chi si è sottoposto a questo trattamento-tortura a scopo scientifico. E, ovviamente, intendiamo tutto il corpo umano comprese le parti intime. Complimenti a Michael L. Smith, che ha scoperto che sul braccio non fa poi così male, mentre sulla narice il dolore è molto acuto.

    LETTERATURA – UHM?

    Perché in tutto il mondo si pronuncia qualcosa come “Uhm?” quando non si è capito ciò che l’interlocutore ha detto o chiesto? Mark Dingemanse dell’Istituto di Psicolinguistica olandese “Max Planck” afferma che è una sorta di parola universale molto antica che viene imparata tramite imitazione ed è universale.

    MANAGEMENT – IL RISCHIO È TRAUMATICO

    La propensione al rischio è di origine traumatica: lo afferma un importante studio congiunto delle Università di Singapore, Oregon e Cambridge. Se un managar ha subito un’esperienza come un terremoto o un incidente è più propenso a rischiare rispetto a un collega senza traumi. E qui c’è un italiano nel team, Gennaro Bernile dell’Università di Singapore.

    MEDICINA – IL BACIO

    Un bel bacio alla francese rende la vita più facile a chi soffre di allergia: la scoperta arriva dall’ospedale di Satou, in Giappone, grazie a Hajime Kimata. Mezzora di bacio intenso al giorno riduce problematiche e sintomi.

    MATEMATICA – IL PROLIFICO SULTANO

    Leggenda o realtà che il sultano marocchino Mulay Isma’il abbia avuto 1.171 figli? Possibile secondo Elisabeth Oberzaucher e Karl Grammer dell’Università di Vienna. Con un harem verosimile di 65 donne e studiando i cicli di ovulazione e di fertilità, i 32 anni di “attività” del sovrano sarebbero stati più che sufficienti.

    BIOLOGIA – LE GALLINE DINOSAURO

    Come studiare il metodo di camminare delle galline? Semplice, ponendo un contrappeso alla coda, come una sorta di ventosa proprio sul didietro. Il risultato è che il centro di massa si sposta più indietro e anche la posizione del femore e la postura.

    MEDICINA DIAGNOSTICA – IL METODO DEL DOSSO

    Come distinguere un’appendicite da una semplice indigestione? Si deve passare con l’auto su un dosso: se il dolore aumenta allora è il primo caso. Idea geniale quella dei ricercatori di Oxford e dell’ospedale Stoke Mandeville.