Bloodborne, The Old Hunters: la recensione

Bloodborne, The Old Hunters: la recensione
da in PS4, Recensioni, Videogiochi
Ultimo aggiornamento: Giovedì 23/06/2016 07:09

    Bb_TheOldHunters

    Lo abbiamo atteso e finalmente The Old Hunters, unica espansione di Bloodborne, è disponibile su Ps4. Ricordate i vostri primi passi per la città di Yharnam? Ricordate la sensazione di paura e di allerta causatevi dai lamenti disumani dei suoi abitanti? The Old Hunters ci ha fatto sentire le stesse sensazioni e, a dirla tutta, ci è rimasto davvero molto impresso per le scene di enorme crudezza e violenza alle quali abbiamo assistito.

    Hunter

    Il titolo di questo DLC dice già tutto, infatti dovremo vedercela con i vecchi cacciatori e scoprire di più sulla loro origini e sui metodi che utilizzavano per cacciare. Il tutto comincia fuori da Cathedral Ward, quando il Grande Essere appeso al palazzo allungherà la sua mano per prenderci e portarci nell’ Incubo del Cacciatore. Ci ritroveremo in una versione distorta della città di Yharnam, in cui la vegetazione ha preso il sopravvento ed in cui i vecchi cacciatori, ebbri di sangue, tenteranno di far fuori le belve e non disdegneranno l’idea di uccidere anche noi. Come per la campagna principale, la trama di TOH è molto sottile e, soprattutto, celata nella descrizione dei vari oggetti che andremo a trovare lungo il nostro percorso. Tenetevi forte, però, poiché ci saranno delle rivelazioni alquanto inaspettate.

    Bloodborne The Old Hunters bow

    Iniziamo col dire che per affrontare i 4 nuovi Boss obbligatori, ci vorranno circa 10 ore, alle quali vanno aggiunte altre 5 ore per trovare e sconfiggere un quinto nemico inedito e raccogliere ogni oggetto. Il gameplay è praticamente identico a quello della campagna principale, ma i nemici saranno molto più aggressivi e difficili da buttare giù. In primis, menzioniamo i cacciatori che si aggirano per la città dell’Incubo, contro i quali si vengono a creare gli scontri più galvanizzanti ed appaganti dell’intero contenuto. Troveremo 16 armi inedite lungo il nostro cammino (mazze allungabili, picconi, archi), appartenute ai vecchi cacciatori e testimonianza di quanto i metodi utilizzati per cacciare le belve siano molto più brutali del solito. Ci saranno nuovi nemici con attacchi inediti che richiederanno ben più del vostro minimo tasso di attenzione per essere sconfitti. Imprevedibili sono i Boss, i quali attraverseranno diverse fasi (come nei Chalice Dungeon) per essere sconfitti, per cui lo scontro sarà un delicato equilibrio tra attacco e difesa che, se verrà spezzato, porterà ad una morte inevitabile e violenta. FROM SOFTWARE consiglia l’ingresso nel DLC a livello 65, ma crediamo che non vi dispiacerà guadagnare circa 15 livelli in più, giusto per essere più sicuri di sopravvivere.

    Orologio

    Il lato tecnico è, purtroppo, quello solito di Bloodborne. Aree magnifiche al colpo d’occhio che, però, vengono rovinate da un framerate ballerino. Ci teniamo a sottolineare, però, quanto The Old Hunters sia ispirato dal punto di vista artistico e come sia un peccato che cotanta bellezza sia in parte rovinata da un hardware non in grado di supportare il tutto come si deve. Nota di merito al sistema di combattimento che è stato ulteriormente variato con l’aggiunta delle nuove armi e che ci sorprende sempre per la reattività mostrata.

    The Old Hunters è da prendere come esempio per chiunque voglia aggiungere un DLC al proprio gioco. Al prezzo di 20€ si ottiene davvero davvero tanto e si rimane con l’amaro in bocca perché questa sarà l’unica espansione per la migliore esclusiva in assoluta della console next-gen di Sony.

    Voto: 9

    PRO: Longevo – Alto tasso di sfida – Ottime armi – Trama oscura, delirante, proprio come piace a noi.

    CONTRO: Lato grafico non perfetto – Nessun contenuto aggiuntivo per i Chalice Dungeon.

    716

    ARTICOLI CORRELATI