NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Google Maps a Machu Picchu: alla scoperta della città Inca

Google Maps a Machu Picchu: alla scoperta della città Inca
da in Google, Social Media
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/12/2015 10:29

    Il simbolo del Perù, una delle sette meraviglie del mondo moderno nonché patrimonio UNESCO, la città di Machu Picchu sbarca su Google Maps grazie alle foto di Google Street View che ci consentono una visita digitale a colpi di clic. Come sono state realizzate queste immagini? Grazie al collaudato zaino dei Trekker di Google, con tutto il necessaire pronto a essere portato a spalle per fotografare a livello quasi umano attraverso all’occhio panoramico a 360 gradi che cattura in un colpo solo tutto il panorama.

    Google Maps sulle Dolomiti

    Google Maps porta le foto e i panorami a 360 gradi migliori delle Dolomiti grazie al proprio servizio esclusivo Google Street View. I trekker con lo zaino dotato di speciale fotocamera robotica hanno coperto tantissimi sentieri sulle montagne più affascinanti delle Alpi così da rendere anche omaggio a uno dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO che dal 2009 fanno parte della lista delle meraviglie da preservare nel mondo. Attraverso la pagina ufficiale sarà dunque possibile addentrarsi nei boschi e sui pendii, per rimanere (virtualmente) a bocca aperta davanti agli scenari più maestosi. Ma non è l’unica perla di GMaps, scoprite tutte le altre nelle successive pagine.

    Aurora boreale Google Maps

    Avete sempre desiderato ammirare l’aurora boreale ma il viaggio al Circolo Polare Artico è troppo lungo, costoso o impraticabile? Grazie a Google si può osservare lo spettacolo delle luci del nord dalla propria scrivania grazie a Street View e Maps. Collegandosi presso – ad esempio – queste località, si può letteralmente camminare sotto la danza verdognola immortalata e impressionata digitalmente a 360 gradi. È solo uno dei tanti mini box illustrativi che si possono trovare sul portale di mappatura a livello “umano”, nelle successive pagine scopri tutti gli altri.

    Gli scimpanzé del parco nazionale del Gombe sulle sponde del Lago Tanganica sono i protagonisti della nuova raccolta speciale di Google Maps sponsorizzata direttamente sulla prima pagina del motore di ricerca più famoso al mondo. Sulle tracce dei primati ai quali la scienziata Jane Goodall ha dedicato la sua intera vita, è possibile così addentrarsi letteralmente a colpi di clic grazie a Street View all’interno di una natura incontaminata, tra animali sfuggenti quanto affascinanti, come il Babbuino Verde. Una lodevole iniziativa quella di Google, anche per sensibilizzare sull’importanza di preservare specie e ambienti a rischio. Nella nostra fotogallery, tutte le immagini e le schermate più suggestive.

    Si sapeva che fosse un obiettivo e infatti è stato raggiunto: Google ha arricchito la propria offerta di foto su Google Street View di Google Maps con una panoramica fotografica completa della zona delle Piramidi a Giza, nei pressi della capitale egiziana de Il Cairo. Si potrà scendere con lo zoom a livello stradale e camminare per il sito archeologico tra la Grande Piramide, quella di Chefren e la più piccola, quella di Micerino, inoltre si potrà visitare virtualmente la Sfinge. Le immagini sono state ottenute sfruttando i trekker ossia personale che si muove a piedi con uno zaino con fotocamera panoramica che cattura il mondo a 360 gradi. Qui sopra le prime immagini.

    Google Street View sbarca finalmente anche a Venezia: quest’estate erano stati avvistati i trekker con lo zainone con fotocamera panoramica a 360 gradi sulle spalle e in questi giorni le immagini sono state completamente caricate sulla piattaforma online di Google Maps. Sarà così possibile esplorare la città lagunare nella sua totalità navigando sui canali, salendo e scendendo dai tantissimi ponti addentrandosi tra calli e campi fino allo spettacolo di Piazza San Marco.

    Tutte e 117 isole, 150 canali e 409 ponti per la precisione, che sono stati immortalati durante una splendida giornata estiva. Ma l’esperienza non si ferma qui perché sarà possibile anche confrontare le immagini attuali con il panorama dei dipinti di Carpaccio e Cesare Vercellio così come con le mappature del 1838. Dopo il salto, altre suggestive foto e luoghi pittoreschi su Google Street View.

    Google Street View sbarca alle Galapagos con una nuova tornata di foto che raccontano le meraviglie uniche e purtroppo in grande pericolo dell’arcipelago sudamericano. In occasione del 178esimo anniversario dell’esplorazione da parte dell’allora giovane Charles Darwin a bordo del Beagle, Mountain View ha fatto scorrazzare i propri dipendenti con zaino-trekker sulle spalle per fotografare il mondo in modo panoramico oppure i sub per immortalare il mondo sottomarino e le sue specie spesso esclusive. Qui sopra, nella nostra fotogallery, tutte le immagini.

    La Tour Eiffel come non l’avevate mai vista, grazie a Google Street View: il celeberrimo servizio di mappatura a livello umano ha da tempo abbandonato il solo limite appunto stradale per concedersi interessanti e suggestive divagazioni come ad esempio in interni oppure su monumenti e costruzioni particolari. Come la torre che domina la città di Parigi, che è stata percorsa in lungo e in largo dai dipendenti di Google, con in spalla lo zainetto dotato della fotocamera panoramica per catturare il panorama a 360 gradi. Qui sopra la fotogallery con tutti gli scatti e gli screenshot più belli. Dopo il salto, tante altre raccolte di foto di Google Maps da non perdere.

    Google Street View mappa buona parte delle strade del mondo cono foto ad altezza “umana” ma spesso e volentieri può incontrare anche il termine di queste vie, di questi corsi, di questi sentieri. E così incontra panorami suggestivi, monumenti particolari, spiazzi desolati e desolanti o ancora la natura rigogliosa. Sul blog di Alan Taylor (The Atlantic), vengono raccolte tutte le “end of the streets” ossia tutti i termini delle strade come nel caso della foto di copertina con la lava del vulcano Kilauea, che blocca la strada Chain of Craters Road, presso le isole Hawaii.

    Google Street View nasconde un mondo di curiosità e di foto strane o particolari: cose assurde, strane coincidenze, foto divertenti… tutto ciò che riguarda il vero ma poco il verosimile. Esistono fior di portali che si dedicano a 360 gradi su queste immagini, per passare ore e ore a scorrere tra profili inconsueti di edifici o di coste, ladri che fuggono e vengono ripresi mentre penzolano da un balcone, oscenità e strane scenette confezionate ad hoc studiando proprio il passaggio delle Google Car. Qui sopra qualche foto, dopo il salto qualche dritta sui portali che raccolgono le segnalazioni da non perdere.

    Con Street View, Google ha avuto davvero un’idea geniale ossia quella di permettere a chiunque possieda un computer o un dispositivo connesso al web di esplorare il mondo a un’altezza paragonabile a quella degli occhi. Un lavoro immenso quello di raccolta, di montaggio e di caricamento delle immagini ottenute grazie ai ripetuti passaggi delle cosiddette Google Car (ma non solo, anche su tricicli e a piedi) per le vie del mondo con la fotocamera panoramica a 360 gradi montata sul tetto. Dalle capitali europee agli spazi sconfinati dei parchi naturali, dalle metropoli americane a quelle asiatiche fino alle meraviglie della natura e al mondo subacqueo, senza dimenticare l’Antartide, non c’è luogo dove Street View non sia arrivato.

    Tra i migliori portali dove trovare foto buffe e divertenti catturate da Google Maps e da Google Streetview possiamo citare streetviewfun.com, googlemapsmania.blogspot.com, funnygoogle.com, ma l’elenco cresce ogni giorno di nuovi elementi. Segnalateci i vostri preferiti. Con l’arrivo delle Google Car in Germania abbiamo potuto assistere a diverse scene probabilmente create ad hoc per il passaggio della vettura come ad esempio l’uomo ubriaco dentro il baule di un auto e il parto sul marciapiede, per altro a breve distanza dall’ospedale. In Iran invece è stata individuata una croce di David sul tetto dell’aeroporto della capitale. Ecco una prima raccolta delle immagini più buffe su Google Maps. Ogni tanto ci scappa anche la chicca scientifica come lo squalo in un porto inglese, scambiato per un animale sconosciuto o addirittura per l’ultimo dei dinosauri sulla Terra. E voi, qual è la scena più bizzarra che avete scovato su Google Earth, Google Maps o Google Street View? Fatecelo sapere nei commenti.

    Ma ecco altre raccolte di foto, iniziamo dalle foto più hot:

    Le foto più imbarazzanti di tutti i tempi Le foto censurate: Le foto storiche:

    1794

    PIÙ POPOLARI