The Binding of Isaac: AFTERBIRTH, la recensione completa

The Binding of Isaac: AFTERBIRTH, la recensione completa
da in Recensioni, Videogiochi
Ultimo aggiornamento: Giovedì 23/06/2016 07:09

    Isaac

    Dopo averci permesso di giocare a REBIRTH per un anno, Edmund McMillen, insieme alla progettazione di Nicalis Studios, rilascia AFTERBIRTH e, dopo averlo giocato per circa 300 ore, siamo pronti a darvi la nostra recensione. Essendo questa solo un’espansione, non vi è stata una modifica sostanziale alle meccaniche di gioco, salvo alcune eccezioni, ma riteniamo sia opportuno parlarne per l’enorme quantità di oggetti e per il tantissimo tempo di gioco aggiunto alla campagna principale. Senza ulteriori indugi, andiamo ad aiutare il piccolo Isaac.

    isaa'c mother

    La trama è la medesima di REBIRTH: la madre di Isaac, fanatica religiosa, dopo aver sentito una voce che le diceva di come suo figlio fosse stato corrotto dalla vita moderna, decide di sacrificarlo a Dio, ma il piccolo riesce a scappare e rifugiarsi nello scantinato da dove dovrà trovare la strada per vendicarsi della genitrice. Sappiamo che agli appassionati del gioco farà piacere sapere che sono stati aggiunti altri spezzoni di “sottotrama” una volta completata una run nelle varie modalità, ma non vogliamo fare spoiler di alcun genere e crediamo fortemente che dovreste giocare il l’espansione per collegare tutti i puntini che il gioco lascia intendere.

    the_binding_of_isaac__afterbirth_characters

    Qui le cose iniziano a farsi interessanti. Essendo questa un’espansione di REBIRTH, il gameplay è il medesimo: dovrete affrontare ogni stanza di un determinato piano fino a trovare la Boos Room, sconfiggere il cattivone e proseguire fino al livello successivo, ma, strada facendo, avrete bisogno di items e power up per aprire scrigni, trovare stanze segrete, aprire varie porte e rendere il vostro personaggio sempre più forte. In AFTERBIRTH sono state aggiunte tante di quelle feature da poterlo rendere un gioco a sé stante. Partiamo dai personaggi: utilizzabile sin dal primo momento, abbiamo Lilith, un personaggio che non sparerà lacrime, ma che si avvarrà del sostegno di un “Famiglio” che spari al posto suo. Ella partirà anche con un oggetto in grado di duplicare ogni Famiglio acquisito, cosa che la rende un avversario molto temibile in una determinata modalità.

    Abbiamo, come per REBIRTH, un personaggio segreto, The Keeper, ma per sbloccarlo dovrete compiere una certa azione, o meglio completare qualcosa. Ci sono circa 200 nuovi oggetti tra power up, items e trinkets e gli sviluppatori sono riusciti a creare delle sinergie che non erano presenti in REBIRTH, come il famigerato BRIMSTONE + RUBBER CEMENT. I salvataggi saranno automaticamente importati da REBIRTH ad AFTERBIRTH e, grazie al nuovo sistema di visualizzazione, sarà possibile capire meglio quali obbiettivi siano stati portati a termine e quali no. Nuova feature molto interessante e la GREED MODE, una modalità nella quale potremo affrontare 10 ondate di nemici consecutivamente ed, al termine di ognuna di loro, avere una carica dell’oggetto per la BARRA SPAZIATRICE. Potremo, inoltre, acquistare qualsiasi oggetto dal negozio, poiché essi non finiranno mai, a patto che ovviamente abbiamo i fondi per farlo. Durante l’ultimo livello, dovremo affrontare ULTRA GREED, uno dei due nuovi boss con una numero spropositato di HP introdotti in AFTERBIRTH e, dopo averlo sconfitto, dovremo donare dei soldi in una speciale macchina delle donazioni, che sarà usata per sbloccare nuovi oggetti ed altre sorprese. Abbiamo anche una modalità DAILY RUN, che ci permetterà di giocare una run al giorno, uguale per ogni giocatore che deciderà di affrontarla per poi essere messi a paragone in una classifica mondiale o in una classifica composta solo dai vostri amici di Steam. In termini di gameplay le modifiche non sono sostanziali, ma sono stati fatti alcuni cambiamenti che rendono il gioco più godibile di REBIRTH, ma che non lo snaturano affatto.

    afterbirth

    Il lato tecnico è stato migliorato in maniera alquanto impercettibile, ma ci sono alcune cose che vale la pena di menzionare. Le animazioni sono molto più curate rispetto a REBIRTH, specialmente quelle del drop dei vari oggetti, ora molto più fluide e con una loro “fisica”. Sarà possibile anche utilizzare un HUD ampliato per tenere sempre sotto controllo quali oggetti abbiamo raccolto durante la run e, su PC, sarà possibile attivare un filtro antialiasing migliorato rispetto alla versione precedente, cosa che non influirà minimamente sulle performance in game, data la sua leggerezza. Il gioco risulta davvero molto molto fluido anche con decine di esplosioni a schermo e, credeteci, ne abbiamo provocate davvero tante, viste le molteplici sinergie disponibili.

    VOTO: 8

    PRO: Longevo come nessuno – Molti e nuovi oggetti disponibili – Molto carina la trovata delle Daily Run – Alcuni risvolti della trama sono degni delle migliori sceneggiature del cinema.

    CONTRO: Ci sono troppi cheater nelle varie Daily Run – Troppi personaggi nerfati rispetto a REBIRTH – La Greed Mode, dopo averla completata, diventa inutile.

    977

    ARTICOLI CORRELATI