Natale 2016

Google Allo privacy: come viene gestita nell’app di messaggistica

Google Allo privacy: come viene gestita nell’app di messaggistica
da in Applicazioni, Google, privacy
Ultimo aggiornamento:
    Google Allo privacy: come viene gestita nell’app di messaggistica

    Google Allo è l’ultima novità presentata da Google, che ha messo a disposizione degli utenti la sua applicazione di messaggistica istantanea. Rispetto ad altre app simili presenti sul mercato come WhatsApp oppure Facebook Messenger, Google Allo consente di poter beneficiare dell’aiuto di un assistente digitale che promette di gestire una serie di situazioni restando sempre all’interno dell’applicazione (che si tratti di effettuare una prenotazione o di consultare fonti informative di ogni genere). Sarebbe quest’ultima, infatti, il principale punto di forza di Google Allo e che le permetterebbe di distinguersi dalle concorrenti.

    Sin da quando è stata presentata però, Google Allo ha subito attirato su di sé una serie di critiche, le più importanti delle quali riguarderebbero un presunto rischio sulla privacy degli utenti. Persino l’ex tecnico della Cia Edward Snowden, implicato nella storia WikiLeaks, avrebbe consigliato di non usarla perché metterebbe in pericolo la privacy. Ad essere finito sotto accusa, in particolare, proprio Google Assistant (l’assistente digitale), che impara nel corso del tempo e per far questo dovrebbe raccogliere ed immagazzinare tutta una serie di informazioni sull’utente. Per Google mantenere i messaggi il più possibile significa infatti riuscire a garantire un miglior funzionamento dell’assistente.

    E proprio in merito al fatto che Google archivierà i messaggi a tempo indeterminato, l’azienda ha deciso di rendere nota una comunicazione per specificare il funzionamento di tale meccanismo.

    Nella nota si legge: “Abbiamo dato agli utenti la trasparenza e il controllo sui loro dati in Google Allo. La cronologia di chat viene salvata fino a quando l’utente non decide di eliminarla. È possibile eliminare i messaggi singolarmente oppure cancellare intere conversazioni in Allo“.

    Ciò significa dunque che Google Allo conserverà tutti i messaggi dell’utente finché egli stesso non deciderà di eliminarli singolarmente o completamente. Per rendere l’operazione più veloce e semplice, l’app di messaggistica dispone anche di una funzione che consente di impostare un timer in base al quale i messaggi verranno automaticamente cancellati sia dal proprio dispositivo sia da quello del destinatario.

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ApplicazioniGoogleprivacy

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI