Samsung Galaxy Note 7, disattivazione da remoto dei modelli difettosi

Samsung Galaxy Note 7, disattivazione da remoto dei modelli difettosi
da in Samsung, Samsung Galaxy Note 7, Smartphone
Ultimo aggiornamento:
    Samsung Galaxy Note 7, disattivazione da remoto dei modelli difettosi

    Samsung è pronta a disattivare da remoto tutti i Galaxy Note 7 difettosi, attraverso lo strumento “Kill Switch“, che permette di disattivare del tutto gli smartphone in caso di problematiche gravi. Questa sorta di interruttore potrebbe essere l’unica via di uscita per i problemi delle batterie emersi nelle ultime settimane. Quindi, qualora Samsung utilizzasse lo “Kill Switch”, presente in qualsiasi smartphone moderno, potremmo assistere all’ultimo capitolo della campagna di richiamo del Galaxy Note 7. Andiamo a scoprire come Samsung riuscirà di disattivare tutti i dispositivi difettosi e quali saranno le principali ripercussioni per il produttore coreano.

    Dopo alcune settimane in cui si sono verificati circa 35 incidenti in cui la batteria del nuovo Galaxy Note 7 sarebbe esplosa e il conseguente blocco delle vendite, Samsung sembra aver deciso di effettuare la procedura di “Kill Switch” di tutti gli smartphone difettosi. Questo meccanismo costringe alla morte i Galaxy Note 7, impendendo il loro utilizzo e prevenendo danni nei confronti degli utenti.

    Secondo gli analisti, il problema della batteria del Galaxy Note 7 costerà circa 1 miliardo di dollari a Samsung, mentre la Federal Aviation Administation (FAA) ha chiesto agli operatori degli aeromobili di effettuare opportune verifiche. Sono recenti i casi in cui le compagnie aeree abbiano chiesto ai passeggeri di spegnere il dispositivo e di non inserirlo nei bagagli da stiva.

    Infine, Samsung ha annunciato che sulla confezione dei nuovi smartphone verrà applicata un’etichetta con codice a barre del prodotto e una lettera S (safe), che certifica la presenza di una batteria sicura. Allo stesso tempo, verrà pubblicato anche un database in cui cercare il codice IMEI e verificare se il dispositivo sia o meno sicuro. Tuttavia, la procedura di disattivazione da remoto dello smartphone a partire dal 30 settembre, seppur soluzione drastica, sembra essere l’unica via che costringera tutti gli utenti a sostituire il Galaxy Note 7 difettoso.

    366

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN SamsungSamsung Galaxy Note 7Smartphone
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI