iPhone 8 con fotocamera doppia verticale: la conferma dalla cover

Una foto rubata della custodia del nuovo iPhone 8 trapelata sul web andrebbe a confermare la composizione verticale della fotocamera a doppio sensore sul retro del modello. Tutte le indiscrezioni e le informazioni

da , il

    iPhone 8 con fotocamera doppia verticale: la conferma dalla cover

    iPhone 8 con fotocamera doppio sensore verticale, ormai non è più un rumors ma una semi-verità, soprattutto dopo la diffusione delle foto rubate su alcune cover che mostrano proprio questa possibilità con la finestrella aperta per lasciare libera visuale alla parte fotografica. Qui sopra, l’ultima immagine che è giunta e che non fa altro che collimare con quanto già anticipato in precedente.

    La disposizione verticale aiuterebbe alla cattura di contenuti poi fruibili in modalità panoramica (orizzontale) per il VR e AR ossia Realtà Virtuale e Realtà Aumentata. Tra l’altro, si può anche notare una assenza del lettore di impronte digitali sul retro, dunque riacquista terreno l’ipotesi che sarà integrato sotto lo schermo.

    Si è parlato spesso di un orientamento dei due sensori sul retro in verticale invece che in orizzontale e questa custodia di iPhone 8 andrebbe proprio a confermare questa voce. Avrebbe un senso specifico tale orientamento, che peraltro va a riprendere quanto già visto in passato con modelli di smartphone votati al 3D come LG Optimus 3D e il discorso di fondo è proprio lo stesso.

    La seconda cover con fotoocamera verticale

    L’ultima foto che era trapelata si riferiva a una cover per iPhone 8 diffusa dall’utente @VenyaGeskin1 su Twitter che andava a confermare, se ancora ce ne fosse bisogno, la presenza della fotocamera con configurazione a doppio sensore sul retro.

    Parliamo infatti della creazione di contenuti in realtà virtuale e aumentata oltre che proprio tridimensionale. Orientando il cellulare in orizzontale – e dunque con le due fotocamere che da verticale ritornano parallele al piano – si avrebbe una cattura molto più ampia e profonda.

    Ci sono davvero pochi dubbi sul fatto che Apple andrà a togliere i veli da un iPhone 8 dalla valenza premium e ancora meno che questo modello sarà dotato proprio di doppio occhio montato in modo opposto a quanto siamo abituati. Facciamo il riepilogo su queste voci con tutte le ultime indiscrezioni.

    Le possibili anticipazioni della custodia di iPhone 8

    Una nuova cover di iPhone 8 con sotto un dummy (un modello non funzionante d’esempio che riprende forma e dimensioni) del prossimo melafonino è stata avvistata online ed è la protagonista di un leak che apre un orizzonte molto interessante qual è quello a proposito della fotocamera posteriore. Cosa ci può raccontare in più questa indiscrezione?

    Osservando i vari dettagli e le varie angolazioni del design nuovo melafonino salta subito all’occhio che sul fondo ci sarà una porta Lightning che farà anche le veci dell’ormai defunta e dimenticata presenza del jack da 3.5 mm. Altrettanto verosimile e credibile è l’anticipazione sul fatto che il tasto home non sarà più presente sul fronte, ma sarà integrato direttamente sotto il display.

    Le novità costruttive di iPhone 8

    C’è anche la griglia per microfono e speaker posizionata come per iPhone 7. Lo schermo avrà una diagonale più generosa di quello dei terminali precedenti, con un design edge-to-edge che allo stesso tempo avvicinerà in modo sensibile il futuro smartphone Apple a Samsung Galaxy S8 e al suo Infinity Display. Perché le foto sulle custodie anticipano l’uscita dei dispositivi stessi? Perché i produttori devono necessariamente essere pronti al momento del lancio del nuovo dispositivo e dunque devono poter lavorare alla progettazione e poi alla produzione degli accessori. Tutto questo porta, ogni tanto, a leaks del genere.

    Anche se – per l’amor del vero – con l’avvento di Tim Cook come AD di Apple, questi spifferi sono aumentati, confermando la teoria che sarebbero parte forte di una pratica di marketing conclamata. Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni.