VSCO, perché scegliere i filtri dell’app

Perché scegliere i filtri di VSCO rispetto a quelli delle altre app? Filtri di qualità da utilizzare al meglio, disponibili in bianco o nero o a colori, i motivi per usare l'ampia gamma di filtri vi VSCO

da , il

    VSCO, perché scegliere i filtri dell’app

    Prosegue la nostra serie di post su VSCO, una delle migliori se non la migliore app per modificare le nostre immagini/foto senza dover affidarci a più applicazioni. VSCO (ex VSCOCam) può essere definita una soluzione all-in-one, dato che, oltre introdurre un buon numero di filtri, integra un gran numero di strumenti adatti a tutte le tipologie di utenti dai novelli fino agli utenti più esigenti.

    Se nel post precedente abbiamo parlato di come utilizzare al meglio la vasta gamma di strumenti messi a disposizione da VSCO, oggi parleremo invece di quelli che sono i filtri, il vero asso nella manica di VSCO, nonché l’elemento che ha sempre (o quasi) fatto pendere la scelta a suo favore tra gli appassionati di mobile photography. Sul Play Store e App Store sono disponibili tante app che mettono a disposizione una buona vasta gamma di filtri, ma quando parliamo dei filtri di VSCO parliamo dei migliori filtri che possiamo avere a disposizione su un’app.

    VSCO, filtri di qualità

    Screen_Shot_2015 04 23_at_11.52.17_AM

    Quando parliamo di VSCO parliamo di un’app sì, ma allo stesso tempo dell’app che possiede ed offre il maggior numero di filtri di qualità per un’app. L’azienda che sviluppa l’app VSCO è la stessa che produce i preset “VSCO” per LIghtroom, il più grande catalogo di preset per Adobe Lightroom che possiate trovare in circolazione. I filtri che vediamo sull’app ufficiale di VSCO sono una versione modificata adattata per smartphone e tablet ma assolutamente di ottima fattura.

    I filtri messi a disposizione da VSCO sono oltre 100 ed adatti ad ogni occasione dal bianco e nero, fino ai colori caldi e freddi passando per i toni scuri e cupi. Un vero e proprio alleato per chi ha bisogno di modificare una foto on the go, senza utilizzare strumenti professionali come Adobe Lightroom ma non rinuncia all’effetto “filtro” per la propria foto.

    VSCO, cinque motivi per utilizzare i filtri dell’app

    vsco_feature

    Essendo il mercato pieno di applicazioni che svolgono esattamente la stessa funzione è necessario capire appieno quali sono i vantaggi rispetto alla concorrenza e perché usare proprio VSCO. Di seguito ti elenco e spiego cinque motivi per cui ti consiglio di utilizzare i filtri di VSCO:

  • Ampia gamma e ben bilanciati: i filtri di VSCO come abbiamo già detto sono circa e si dividono in filtri classici, edizioni limitate e filtri film. Questi sono tutti filtri ad altissima qualità con colori bilanciati, adatti a tutte le esigenze e gamme tonali e compatibili sia con i file JPG che con i file RAW.

  • I filtri hanno degli strumenti: alcuni dei filtri messi a disposizione da VSCO al loro interno integrano degli strumenti per la regolazione ulteriore del filtro, un elemento assolutamente degno di nota che permette di bilanciare ulteriormente il nostro filtro ed adattarlo alle nostre esigenze.

  • continuo aggiornamento: il catalogo dei filtri di VSCO viene sempre aggiornato con new entry sia gratis che a pagamento seguendo quelli che sono i trend visuali del momento;

  • nessuna perdita di qualità: alcune applicazioni che vengono utilizzare per applicare filtri alle foto, seppur di pregevole fattura, spesso hanno un difetto creano un effetto “sporco” sulle foto” cosa che su VSCO non accade;

  • creatività: la possibilità di avere così tanti filtri a disposizione non può che essere uno stimolo alla creatività sia per chi prova sia per chi ha già le idee chiare su cosa fare.

    VSCO, la qualità si paga

    vsco x 1

    La qualità si paga, sempre. E VSCO non può che essere un esempio virtuoso di come la qualità si paghi ma a sua volta paghi. Quando andiamo ad installare VSCO per la prima volta troveremo installato un numero di ridotto di filtri, circa 15, adatti a diverse tipologie di foto ma nulla di entusiasmante rispetto all’ampio parco catalogo che è possibile aver a disposizione all’interno dell’app.

    VSCO integra degli acquisti in-app che possono essere divisi in acquisto di singoli pacchetti di filtri e sottoscrizione del piano VSCO X. L’opzione dell’acquisto del singolo pacchetto di filtri può essere funzionale a chi, magari proveniente dal mondo Adobe Lightroom, si riavvicina a VSCO con le idee ben chiare e scegliere una determinata gamma di filtri in base alle proprie esigenze. Il risparmio economico è tanto ma di fatto si avranno un numero selezionato di filri.

    L’opzione più accreditata tra gli utenti e anche quella scelta da me è la sottoscrizione del piano a VSCO X. Per chi non lo sapesse, VSCO X è un nuovo servizio di VSCO che al fronte del pagamento di 19 euro all’anno (1,60 euro al mese) ci permette di aver accesso all’intero catalogo di filtri di VSCO comprese le edizioni limitate e le versioni speciali, e ogni mese all’introduzione di nuovi filtri di altissima qualità in versione film.