12enne norvegese salva la sorella da un alce grazie a WoW

C’è questo ragazzino norvegese che risponde al nome di Hans Jørgen Olsen che ha soltanto 12 anni ma è diventato un feticcio del web e soprattutto dei videogiocatori online. Ha salvato la sorella – e pure se stesso – da un alce incavolato, nei boschi.   Per difendere la sorella si è ispirato a Wow […]

Pubblicato da Diego Barbera Venerdì 11 giugno 2010

12enne norvegese salva la sorella da un alce grazie a WoW

C’è questo ragazzino norvegese che risponde al nome di Hans Jørgen Olsen che ha soltanto 12 anni ma è diventato un feticcio del web e soprattutto dei videogiocatori online. Ha salvato la sorella – e pure se stesso – da un alce incavolato, nei boschi.
 
Per difendere la sorella si è ispirato a Wow ossia World of Warcraft, il più giocato titolo fantasy tridimensionale di tipo MMORPG del web. Con le conoscenze e le abilità virtuali si è salvato la pelle immaginandosi fatto di pixel. Ecco la fanta-cronaca!

Come in World of Warcraft, il buon Hans era con la sorella nei rigogliosi boschi norvegesi quando improvvisamente è comparso un gigantesco alce maschio. Anche se non sbuffava dal naso come nei cartoni il suo umore era nero: i due esseri umani erano entrati senza permesso nel suo territorio.
 
Il cervide alto 2 metri al garrese e con apertura dei palchi superiore al metro e mezzo era pronto a caricare, così Hans ha attuato l’abilità da GuerrieroTaunt” ossia ha schernito e distratto l’alce per permettere alla sorella di fuggire.
 
Primo livello completato, ora toccava togliersi di mezzo: nessun problema con la “Feign Death” del Cacciatore, si è steso a terra fingendosi morto stecchito. L’Alces alces lo ha osservato per un po’, poi ha placidamente lasciato il terreno di battaglia disinteressandosi dell’umano nano sdraiato a terra. Ora la mamma di Hans non potrà più rimproverarlo di sprecare i pomeriggi davanti al PC