NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Robot Aspirapolvere LG Hom-Bot: la nostra prova, video!

Robot Aspirapolvere LG Hom-Bot: la nostra prova, video!

Robot Aspirapolvere LG Hom-Bot: la nostra prova e recensione, ecco il video e tutti i pro e contro di questo simpatico e utile robottino casalingo

da in Domotica, Innovazioni Tecnologiche, Robot
Ultimo aggiornamento:

    LG Hom-Bot (VR5901LVM) è il protagonista della nostra recensione video e scritta di questa settimana. E’ il simpatico e performante robot aspirapolvere che promette sessioni di pulizia precisa e silenziosa grazie a tutte le ultime tecnologie che nasconde. Nel filmato qui sopra potete ammirare l’automa casalingo in azione, lo abbiamo posizionato volutamente in un ambiente difficile con ostacoli, irregolarità e difficoltà e c’è da dire che il piccolo ufo da pavimento si è difeso più che bene. Nel video potete osservarlo mentre si esibisce nella modalità ZigZag, quella Cell by Cell e quella manuale oltre che nel ritorno nella base di ricarica, Homing. Dopo il salto tutte le caratteristiche tecniche e il prezzo.

    Esteticamente il nuovo Hom-Bot di LG assomiglia a un UFO di 3.2kg con il suo aspetto bombato con diametro da 90mm e le videocamere più i sensori che gli conferiscono un’aria da vero duro, tecnologicamente parlando. Grazie ai due occhi – quello superiore e quello inferiore – mappa in ogni istante l’ambiente che lo circonda così da riconoscere e evitare per tempo gli ostacoli, le sporgenze e le voragini. Si avvale di diversi sensori e di tecnologie per muoversi con sicurezza (Absolute, SLAM, Vision, Gyro e OFS) che di volta in volta mappano l’area, calcolano l’angolo di rotazione, vedono e misurano la distanza in movimento. I sensori: Ultrasonic 4-pair per il fronte, PSD doppio per la mappatura, 20cm per la massima distanza, Distanza per le misurazioni e altri 3 PSD per riconoscere ostacoli verticali quali tappeti, porte o scalini.

    In effetti si ferma prima degli spigoli (tavoli, comodini, sedie), delle sporgenze a terra (coperte, gradini) e voragini come vano scala e gradini. L’unico elemento che l’ha fermato causando un potenziale disastro è il cavetto ad esempio di un caricabatterie lasciato a terra.

    Occhio perché, soprattutto se ancora collegato alla rete casalinga, rischia di essere avviluppato sul fondo del robottino.

    Hom-Bot parla attraverso una voce femminile illustrando ogni volta cosa sta combinando, una funzionalità molto utile. Il suo rumore è di 60dB, decisamente più silenzioso delle generazioni precedenti. Grazie al filtro HEPA 10 blocca adeguatamente le particelle di polvere e con il panno speciale in confezione può pulire facilmente superfici delicate. La sua autonomia è di 75 minuti, poi va a ricaricarsi (si può premere il pulsante Homing in alto a destra sul telecomando, quello verde), impiegherà 2-3 ore, e nel caso riprenderà il programma da dove la lasciato, bravo ragazzo. Il consumo elettrico è di 18W.

    Possibile impostare orario e durata di pulizia attraverso il Timer (ma solo fino a un massimo di 12 ore e non a lunga scadenza o ripetizioni ad esempio se si va in vacanza, peccato davvero), impiegherà circa un quarto d’ora per una stanza da 5x5m e l’ampiezza di pulizia è di 189mm/370mm. 5 i programmi di pulizia pre-impostati adatti a ogni situazione e ambiente, i più interessanti sono ZigZag o Cell by Cell che potete ammirare nel video qui sopra: la prima si spiega nel nome stesso, la seconda è ideale per superfici estese che vengono divise in microaree a quadrati da affrontare uno per volta. Con Spot si concentra in un raggio di un metro per sporco infame. Infine c’è anche la possibilità di comandarlo in manuale. Il prezzo di Hom-Bot è compreso tra 449 e 599 euro.

    637

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DomoticaInnovazioni TecnologicheRobot
    PIÙ POPOLARI