Natale 2016

Domini di primo livello, i brand si scatenano: da .ferrari a .gucci

Domini di primo livello, i brand si scatenano: da .ferrari a .gucci

L'Icann liberalizza i domini di primo livello e li blinda con prezzi altissimi per evitare il fenomeno del cybersquatting, estorsione online sui nomi, ecco le proposte più curiose

da in Internet
Ultimo aggiornamento:

    Url address

    Si sta alzando la febbre da domini di primo livello, che cosa sono? Sono l’ultima parte dell’indirizzo web come ad esempio il .it di tecnocino.it. L’ICANNInternet Corporation for Assigned Names and Numbers – ossia l’organo che decide e regolamenta il settore, ha recentemente ufficializzato la liberalizzazione di questi domini di primo livello che potranno essere scelti senza alcun limite. Ovviamente si dovrà pagare caro, ma i grandi brand non si spaventano e sfruttano immediatamente la possibilità. L’ICANN ha svelato le scelte più curiose e possiamo scoprire che va alla grande “.app”, che ovviamente si riferisce alle applicazioni software, ma sono stati richiesti molto anche quelli bancari come “.bank” o informatici come “.web” e “.secure”. Tra le circa 1930 proposte giunte all’Icann entro il termine ultimo dello scorso 30 maggio si sono visti tantissimi marchi automobilistici come .ferrari, .fiat, .lamborghini, .abarth, .alfaromeo, .maserati oppure di lusso come .gucci. Una curiosità: il continente con più richieste è stato il Nord America con 911 solo dagli USA, 675 dall’UE. I prezzi? Se accettati si dovrà sborsare un totale di 185.000 dollari più 25.000 dollari annui.

    L’ICANN dà il via alla liberalizzazione dei domini di primo livello che saranno completamente a disposizione degli utenti privati o delle aziende, che potranno registrarne a loro piacimento, senza particolari restrizioni pesanti. L’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, ossia l’associazione che si occupa di regolamentare questa branchia della rete, ha così iniziato una vera e propria rivoluzione del web. Per domini di primo livello si intendono le ultime parti di un sito internet, quelle dopo l’ultimo punto per intenderci: .it, .com, .net, .edu, ecc… chiunque potrà inventarsene una propria, ma dovrà sborsare oltre 145.000 euro.

    I domini sono liberi da diverso tempo, chiunque può controllare che il proprio termine desiderato non sia occupato e si può muovere per assicurarselo a un prezzo abbastanza modico. Ora però, l’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) permetterà di scegliere anche la parte finale, il dominio di primo livello, come meglio si crede e così fioccano le possibilità e aumentano all’infinito le potenzialità di mix.

    Si potrà così, ad esempio, registrare il dominio del proprio nome e il dominio del proprio cognome per un sito che apparirà come www.nome.cognome oppure le aziende potranno bloccare quello del proprio marchio così da rendere ancora più unico il proprio spazio online.

    Tuttavia, per dissuadere il fenomeno del cybersquatting sono stati fissati costi altissimi per la registrazione, molto di più rispetto ai domini tradizionali. Si parla di 185.000 dollari ossia 145.000 euro circa.

    Per cybersquatting o domain grabbing si intende il fenomeno di estorsione legato alla registrazione di domini, email, utenze varie legate a persone e marchi che possono essere riscattati a prezzi maggiorati. Con un prezzo così alto, questa pratica troverà una grande sbarra in mezzo alla strada. Oggi alle 12 si potranno iniziare a inviare le proposte all’ICANN, che non fissa particolari restrizioni. Quali saranno i primi a registrarsi? Sembra che la città di Londra sia interessata a .london.

    Ma in generale tutte le grandi società potrebbero avvalersi di questa possibilità, comprese le istituzioni nazionali e internazionali, i grandi brand non solo dell’informatica e personaggi pubblici particolarmente vicini al web. E le truffe? 145.000 euro potrebbero valere la spesa se si gioca sui possibili errori di digitazione degli utenti a siti famosi, ad esempio ebay.con oppure google.itt o via dicendo.

    653

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Internet

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI