Google Pixel (Nexus Sailfish): la scheda tecnica del low-cost

Google Pixel (Nexus Sailfish): la scheda tecnica del low-cost
da in Google, HTC, Mobile, Nexus, Smartphone
Ultimo aggiornamento:

    Sailfish HTC Nexus

    Altro che Nexus, Pixel sarà il nome definitivo di quel cellulare che finora era stato riconosciuto come Sailfish. Prodotto da HTC, questo terminale dovrebbe andare a comporre la fascia bassa dei dispositivi col nuovo anzi “nuovo” marchio di Google. Dovrebbe essere il portabandiera della fascia di dimensioni medie del sistema operativo Android N e sarebbe in uscita a Ottobre insieme ad altri smartphone, forse prodotti anche da Huawei e LG o da una parte di queste firme. Pixel andrebbe a succedere a Nexus 5X e avrebbe come base quella di HTC 10. Lo schermo sarebbe però da 5 pollici a risoluzione Full HD 1920×1080 pixel con una densità di 440ppi, l’hardware conterebbe su un processore Quad-core 2.0GHz 64-bit con 4GB RAM, batteria da 2770mAh, memoria da 32GB, ci sarebbero fotocamere da 12 e 8 megapixel, scanner impronta digitale, porta USB-C, Wi-fi, Bluetooth, GPS e NFC. Il prezzo potrebbe gravitare intorno ai 300 euro.

    Il nuovo Nexus non si chiamerà più Nexus ma Pixel e sarà prodotto da HTC e non da Huawei come era stato ipotizzato qualche mese fa. Pur essendoci ancora tanta nebbia che avvolge questo smartphone possiamo già anticipare che, però, dovrebbe montare una scheda tecnica davvero impressionante, che sarà svelata ovviamente solo in prossimità dell’uscita forse il prossimo autunno. Ricordiamo che il nome in codice Marlin, aveva proseguito la tradizione di scegliere un pesce così come già successo con Bellhead ossia Nexus 5x by LG e Angler di Nexus 6P by Huawei. Gli indizi sono stati scovati in un report di Chromium.

    Nexus Huawei

    Chi produrrà gli smartphone Nexus del 2016? Ci sono state voci contrastanti sulla strategia che Google avrebbe potuto adottare quest’anno visto che da un lato si punta sui collaudati Huawei e LG, mentre dall’altro si profilava un’ipotesi piuttosto clamorosa di una produzione per conto proprio, ovviamente sfruttando OEM (produttore di apparecchiature originali) asiatici fidati. Quest’ultima voce era particolarmente suggestiva, ma poco probabile sia per i costi più elevati sia per un precedente non così confortante come Pixel C (a dimostrazione che Google non è scaramantica coi nomi). Così, si ritorna a HTC: la società taiwanese aveva peraltro realizzato il primo smartphone, Nexus One e potrebbe addirittura mettere sul piatto due modelli quest’anno.

    Nexus 2016 render

    Già, sarebbe proprio HTC la terza società coinvolta da Google per i Nexus del 2016 con un modello da 5 e uno da 5.5 pollici dunque uno smartphone tradizionale e un phablet. E se invece producesse un dispositivo per la realtà virtuale come HTC Vive VR? Possibilità da non escludere a priori. Tuttavia, le voci di corridoio secondo le quali Google continuerebbe a puntare sul costruttore cinese Huawei anche per il prossimo Nexus non smettono di essere alimentate da nuove info. Sembra tramontata l’ipotesi di vedere Huawei e Google non solo su un apparecchio in comune, ma anche su uno store di applicazioni dedicato alla paese di origine del produttore. Leggiamo le ultime novità relative al nuovo dispositivo che potrebbe uscire nel 2016 con una scheda tecnica ancora più solida e un prezzo più stuzzicante, tra i 400 e 500 euro. Secondo le ultime indiscrezioni, non ci sarebbero dubbi sulla presenza di una tecnologia sempre più di moda come il 3D Touch alias la tridimensionalità del tocco sullo schermo sensibile, per aggiungere una dimensione (la pressione, nello specifico) e offrire un’esperienza migliore. Finora solo i nuovi iPhone, Huawei Mate S e il più recente ZTE Axon Mini hanno esplorato questo territorio, ma sono attesi modelli anche dagli altri cinesi sulla cresta dell’onda come Xiaomi, Meizu, Oppo e Vivo.

    Nexus 6P Colori

    Google non ha mai abbandonato l’idea di impiantarsi in un mercato così dinamico come quello della Cina. E cosa ci sarebbe di meglio che continuare con una partnership con uno dei grandi big dell’industria cinese? I rumors secondo cui il gigante americano avrebbe scelto Huawei per elaborare anche il prossimo Nexus dopo il già ottimo Nexus 6P che ha debuttato poche settimane fa si fanno sempre più importanti. Delle informazioni più recenti è succosa quella che riguarda l’utilizzo del processore quad-core con processo produttivo 14nm ossia lo Snapdragon 820 di Qualcomm.

    Qualcomm Snapdragon 820 features and specs

    Per la progettazione di un futuro top di gamma sembra scontata la presenza della settima versione del sistema operativo di Google. L’uscita degli apparecchi Nexus è, secondo le fonti menzionate poco prima, programmata per l’autunno 2016. Così come per il model year 2015 e 2016, la prossima generazione di Nexus dovrebbe comportare due apparecchi costruiti da due costruttori diversi. Huawei dovrebbe occuparsi della variante phablet di Nexus e potrebbe essere ancora una volta LG a tornare con Nexus modello smartphone standard, commercializzando un apparecchio più compatto molto simile al concetto portato dal Nexus 5 più che Nexus 5X, con un rapporto qualità/prezzo molto buono.

    Snapdragon 820

    Prima della presentazione di Nexus 6P si pensava che la partnership tra Google e Huawei non si sarebbe limitata all’elaborazione del prossimo Nexus. Infatti, sempre secondo le fonti citate poco prima, questi due colossi punterebbero sulla possibilità che Google proponga uno store di applicazioni sul suolo cinese. Una bella opportunità per il gigante della Silicon Valley di penetrare in un mercato europeo che gli sfugge. Ricordiamo infatti che la maggior parte dei servizi del marchio di Mountain View (il motore di ricerca eponimo e Gmail) sono bloccati tra le frontiere della Cina. Ma non sembra che ciò avverrà.

    1097

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GoogleHTCMobileNexusSmartphone Ultimo aggiornamento: Venerdì 02/09/2016 09:11
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI