Stephen Hawking: meglio tenersi lontani dagli alieni

Stephen Hawking afferma che è assolutamente possibile che gli alieni esistano, ma che è meglio che non ci facciano mai visita altrimenti potrebbero trattarci come razza inferiore e sfruttarci

da , il

    Stephen Hawking parla degli alieni: il celebre astrofisico ha affermato al Sunday Times che ci sono grandi probabilità che nell’universo si trovino forme di vita più o meno evolute, ma che sia meglio che non ci facciano visita altrimenti faremmo la fine degli indigeni raggiunti da Colombo.

    Ossia sfruttati e magari eliminati da una civiltà tecnologicamente superiore che potrebbe giungere sul nostro pianeta prendendone facilmente controllo. Altre teorie invece vanno verso una selezione darwiniana più estesa e pregna di ottimismo.

    Stephen Hawking è il simbolo della grandezza della mente in netto contrasto ai limiti del corpo: costretto ormai da tempo sulla sedia a rotelle, il 68enne britannico ex docente di Harvard osserva come sia possibile che in giro per l’universo si sia sviluppata una forma di vita più o meno evoluta. Se mai qualche civiltà arriverà sulla Terra allora avrà tutti i mezzi per sottometterci.

    Come riportato da La Stampa però ci sono altre teorie contrastanti: se una civiltà raggiunge un livello tecnologico troppo alto e al suo interno presenta fazioni “cattive” si autodistruggerà, così afferma il radioastronomo Frank Drake, che quindi sposa la tesi della selezione naturale che elimina le mele marce.