Google NewsPass: in arrivo le notizie a pagamento, sono legittime?

Google NewsPass: in arrivo le notizie a pagamento, sono legittime?

Google NewsPass: in arrivo le notizie a pagamento su News, esultano Corriere e Repubblica, ma è un sistema legittimo? Devono finire i contributi agli editori

da in Internet
Ultimo aggiornamento:

    google newspass

    Google starebbe per lanciare Newspass, almeno così esultano Repubblica e Corriere, le nostre principali testate nazionali che avrebbero tutto l’interesse di vedere il nuovo servizio di news a pagamento attivo il prima possibile.

    NewsPass è il tanto discusso sistema di pay-per-read che dovrebbe funzionare con mini-fee per ogni lettura o microabbonamenti in modo simile a Facebook Connect con una multipiattaforma semplice e pagamenti sicuri. Pagare per leggere contenuti è legittimo, non lo è continuare ad aggiungerci anche i contributi statali versati dagli stessi cittadini.

    Newspass” è il paywall orizzontale con Google Checkout dedicato agli editori che così potranno sfruttare il veicolo dell’aggregatore di notizie di Mountain View per ricavare fior di quattrini e risollevarsi così dalla crisi.

    Si può leggere un tot di news gratis poi ci si deve registrare (o accedere) pagando per la singola notizia o sfruttando abbonamenti. In tal modo anche Google ci guadagna con il suo sistema di pagamento e gli editori sono contenti.

    Come fanno però notare molti analisti, con l’arrivo di NewsPass, dovrebbero terminare anche le erogazioni degli aiuti agli editori da parte dello stato, soldi ricavati con i contributi dei cittadini.

    Nel 2008 ammontavano a 201.274.612 milioni di euro di cui 174,461,760 per giornali e periodici.

    Pagare per leggere online avrebbe così un peso “doppio” per il cittadino che tuttavia può sempre rivolgersi ad altre sorgenti gratuite e non meno affidabili

    300

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Internet Ultimo aggiornamento: Martedì 31/05/2016 10:26
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI