Tim Cook voleva donare parte del fegato a Steve Jobs

Tim Cook aveva fatto questa proposta al fondatore di Apple due anni prima della sua morte

da , il

    steve jobs fegato tim cook

    Quasi due anni prima del decesso del fondatore di Apple, Tim Cook, attuale capo del marchio con la mela, gli aveva proposto una parte del suo fegato secondo alcuni passi pubblicati nel nuovo libro “Diventare Steve Jobs” di Brent Schlender e Rick Tetzeli, che uscirà il 24 marzo. Steve Jobs soffriva in effetti di un cancro al fegato ed era in attesa di un trapianto, ma quest’ultimo aveva rifiutato questa offerta secondo la nuova biografia scritta da un giornalista veterano in tecnologia e l’editore di Fast Company Rick Tetzeli.

    Malato dal 2013, Steve Jobs era in effetti molto indebolito dalla presenza di ascite, il liquido intra addominale. Sembrava affaticato e non poteva fare altro che stare allungato nel suo letto nell’attesa di un possibile trapianto di fegato, raccontano gli autori. Convinto che Steve Jobs avrebbe ceduto nell’assenza di un intervento medico, Tim Cook ha effettuato degli esami presso l’ospedale e ha preso che era compatibile con il gruppo sanguigno raro del suo amico. Dopo alcune ricerche, si è reso conto che era possibile donare una parte del suo fegato per trapiantarla su una persona in attesa di un trapianto. Negli Stati Uniti, quasi 6000 trapianti di fegato con dei donatori viventi vengono fatti ogni anno e la percentuali di successo è elevata, sottolineano Brent Schlender e Rick Tetzeli.

    Tim Cook è così tornato nella casa di Palo Alto di Steve Jobs per annunciargli la buona notizia, ma quest’ultimo ha rifiutato. “Mi ha lasciato a bocca aperta, non appena ha pronunciato queste parole”, confida Tim Cook. “Mi ha detto no. Non ti lascerò mai fare questo, non lo farò mai.” Queste le parole di Tim Cook: “Qualcuno di egoista non avrebbe mai avuto una risposta simile. Stava per morire, era davvero vicino alla morte a causa della sua malattia al fegato e c’è qualcuno di fronte a lui in buona salute, compatibile e che è pronto a offrirgli il suo fegato. Gli ho detto che ero in buona salute e che avevo verificato che eravamo compatibili, avevo le cartelle mediche. Potevo farlo senza mettermi in pericolo, ma non ha voluto, era no, me lo ha ripetuto svariate volte. Steve mi ha sgridato solo quattro o cinque volte nel corso di 13 anni di conoscenza e questa fu una di queste”, secondo un estratto del libro pubblicato da Fast Company.

    Steve Jobs ha finalmente ricevuto il suo trapianto di fegato il 21 marzo 2009, ma è deceduto due anni dopo in seguito al suo cancro al pancreas.

    iOS 9: le anticipazioni sul nuovo sistema operativo