Natale 2016

iPhone 8 in uscita con display OLED: è praticamente quasi certo

iPhone 8 in uscita con display OLED: è praticamente quasi certo
da in Apple, iPhone, Smartphone
Ultimo aggiornamento:

    iPhone 8 wireless charging

    Si può dare ormai quasi per certo il fatto che iPhone 8 uscirà con a bordo un display di tipo OLED (Organic Light Emitting Diode) dopo le notizie confermate della richiesta di aumentare la produzione e fornitura di pannelli organici da parte delle aziende che collaborano con Apple ossia Interflex e BH. Naturalmente, la prima a realizzare OLED per il prossimo melafonino sarà però Samsung, che è stata già avvertita. La mira è quella di confezionare un dispositivo davvero nuovo e più performante e questa tecnologia è la chiave giusta perché abbatte i consumi e crea rappresentazioni cromatiche perfette grazie al nero più profondo (i pixel vengono spenti, dato che sono auto-illuminanti uno a uno) per il contrasto perfetto e i colori perfetti. Scopriamo tutte le altre voci su caratteristiche e funzionalità dello smartphone della mela morsicata del 2017.

    iPhone 8 potrebbe includere nella scheda tecnica il nuovo performante processore A11 proprietario di Apple, realizzato con architettura a 10nm per rimanere in vetta alle prestazioni in tutti i test di benchmark. Il nuovo modello atteso in uscita nel 2017 potrebbe proporre anche un’estetica edge-to-edge ossia con display che occuperebbe praticamente tutto lo spazio frontale (come sarà anche iPad Pro 3 in uscita in primavera?). Il tasto Home fisico andrà ad accogliere anche lo scanner delle impronte digitali Touch ID.

    Sale la febbre per iPhone 8, anche se siamo a quasi a un anno di distanza dalla presentazione. Secondo quanto riferito da fonti anche importanti e autorevoli come il Wall Street Journal, Apple starebbe lavorando non a uno, non a due, ma ben a dieci differenti prototipi del nuovo melafonino. Tra questi ci sarebbe anche un modello con schermo curvo, che potrebbe offrire una soluzione “alla Samsung” e in effetti il pannello OLED che sarebbe implementato sarà proprio prodotto dalla società sudcoreana, che si occuperebbe peraltro anche della fornitura di altri componenti come la Ram (non dichiarata). Tra le altre novità ci potrebbe essere a bordo anche un nuovissimo sistema per la ricarica della batteria senza fili e anche senza contatto con una tecnologia decisamente disruptive.

    Si rinnova ancora la collaborazione tra Apple e LG? Con iPhone 8 si potrebbe trovare a bordo una fotocamera con doppio sensore oltre che funzionalità 3D, come riportato dal quotidiano Korea Economic Daily, che cita l’interesse di Cupertino nei confronti della sussidiaria LG Innotek per il melafonino in uscita nel 2018. Viene inoltre citata la startup LinX Imaging, recentemente acquisita proprio dai californiani che si era specializzata negli anni nella scansione tridimensionale degli oggetti, avvalorando questa tesi. A cosa servirebbe una fotocamera 3D a bordo? Non solo per scatti più suggestivi, ma anche per un riconoscimento del volto più accurato così da farlo valere come password biometrica, più performance con realtà aumentata e virtuale e così via.

    Ci sono sempre più voci su iPhone 8, che potrebbe davvero rivoluzionare l’estetica e diverse parti hardware. In più, si vocifera in modo sempre più importante su un metodo di ricarica ultraveloce chiamato Energous WattUp che sembra ispirato a Nikola Tesla dato che può trasferire energia alla batteria a distanza fino a 4 metri. Secondo quanto riportato da Ming-Chi Kuo, analista di KGI Securities, non tutti i modelli ne saranno dotati ma solo quelli di alta fascia. Questo componente sarà prodotto dalla società asiatica Pegatron, senza altri aiuti esterni.

    iPhone 8 Matteo Gentile

    iPhone 8 potrebbe stravolgere letteralmente il design offrendo uno schermo con diagonale da 5.2 pollici con bordi limitatissimi se non addirittura inesistenti e un’estetica avvolgente e con una linea continua. Tutto sarà integrato sotto la superficie del pannello OLED o AMOLED dunque il pulsante home che fungerà anche da scanner delle impronte digitali, i sensori di prossimità e di luce ambientale per regolare quella dello schermo stesso. E la fotocamera anteriore? Sarebbe, a sorpresa, spostata nella parte inferiore del dispositivo, con il microfono subito sotto. La decima edizione del melafonino di Apple, che sarà in uscita nel 2017 al posto di iPhone 7s, dovrebbe implementare uno schermo a risoluzione finalmente Full HD 1920×1080 pixel. Grazie alla scocca così particolare, l’ingombro finale sarà del tutto simile a quello di iPhone 7 (da 4.7 pollici) mentre la scocca arriverà a 5.8 pollici di diagonale totale. Scopriamo tutte le altre voci.

    Apple iPhone 8

    Le ultime voci su iPhone 8 arrivano nientemeno che da un analista conclamato e affermato come Ming-Chi Kuo che aveva ipotizzato per iPhone uno schermo piuttosto grande, fino a una diagonale di 5.8″ di natura AMOLED. Le ultime voci che arrivano dai colleghi di Barclays sembrano confermare queste speculazioni dato che il Plus sembra essere aumentato appunto da 5.5 a 5.8 pollici a lo standard da 4.7 a 5 pollici, ancora una volta venendo incontro alle esigenze di mercato. Tuttavia, le dimensioni non andranno ad aumentare visto il design quasi del tutto privo di bordo per un vantaggio tutto a favore dell’utente finale che avrà più schermo e ingombro limitato.

    Cosa ci dice questo cambio di strategia di Apple? Che ancora una volta Cupertino ha smarrito la posizione da leader e traino del settore per andare a adeguarsi alle richieste di un mercato che non si accontenta più di terminali affidabili, potenti e cool sotto l’aspetto estetico. Ormai 5 pollici è la misura minima per un topclass non phablet e dalle parti di Apple l’hanno compreso, così come la risoluzione, almeno Full HD.

    iphone 8 concept design

    Ancora tantissime voci su iPhone 8, che però sarà in uscita ufficiale tra 10 mesi nell’autunno del 2017. Il futuro melafonino è al centro di una tormenta di rumors che parlano – soprattutto nell’ultimo periodo – dell’hardware e della struttura del dispositivo. Sembra proprio che lo schermo sarà di natura OLED per una maggiore e netta qualità visiva e per consumi minori; potrebbe raggiungere la risoluzione Full HD 1920×1080 pixel, finalmente.

    iPhone 8 potrebbe essere il primo davvero made in USA e non, come finora, in China con la dicitura designed in California. Sarebbe uno dei tanti effetti collaterali dell’elezione di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti. Il leader repubblicano ha sempre messo il popoloso paese asiatico al vertice dei “nemici commerciali” da combattere, nel caso con multe e tasse per chi vi si affida per la produzione e con vantaggi per chi invece decide di rimanere sul territorio nazionale. E così, anche Apple potrebbe riconsiderare la strategia anche se i tempi sembrano troppo ridotti per il 2017 e più pensabili per il 2018. Oppure, avverrà soltanto con determinati componenti.

    Il prossimo iPhone 8 in uscita nel 2017 (in due varianti oppure addirittura tre con il 5 pollici già smentito?) potrebbe presentare la ricarica wireless ossia senza fili. Avrebbe la possibilità di ridonare succo vitale senza passare dallo spinotto classico. Almeno così afferma la Nikkei, partner di Apple per la produzione dei componenti. D’altra parte sarà il modello del decimo anniversario ed è preventivabile qualcosa di davvero straordinario e memorabile. Forse la novità riguarderà solo il phablet?

    iPhone 8 sarà in uscita nel 2017 al posto del rumoreggiato iPhone 7s con la possibilità di trovarlo in tre differenti tagli di schermo da 4.7, 5 e 5.5 pollici dunque verosimilmente si tratterà nel primo caso del normale 8 e nell’ultimo dell’8 Plus, mentre sarà da definire la nomenclatura per il modello di mezzo. Le voci arrivano da recenti indiscrezioni generate da Nikkei Asian Review che riferisce anche di parti posteriori tutte con vetro realizzato dalle società cinesi Biel Crystal Manufactory e Lens Technology. In mezzo, ci sarà un frame metallico che dovrebbe essere fornito da altri grandi produttori del paese orientale come China Foxconn, Catcher Technology oltre che dall’americana Jabil. Scendiamo nel dettaglio di tutte le altre voci.

    Non è mai troppo presto per parlare di iPhone 8: il nuovo smartphone di Apple potrebbe segnare una vera rivoluzione, quando sarà in uscita nel 2017 invece che nel 2018 dato che sembra che Cupertino voglia saltare direttamente alla generazione successiva. Andrebbe a sconvolgere un po’ l’abitudine e la nomenclatura, essendo peraltro proprio gli anni pari quelli dei grandi cambiamenti. Secondo quanto anticipato dal New York Times, il nuovo melafonino sarà caratterizzato da un display senza bordo, un “tutto-schermo” o “edge-to-edge” insomma, con un pulsante che diventerebbe a questo punto “virtuale”. Naturalmente, si farà a meno del jack da 3.5 mm e potrebbe essere introdotta una tecnologia innovativa come la scansione dell’iride oppure dell’impronta.

    Il melafonino che vedrà la luce tra due anni dovrebbe contare su una speciale tecnologia costruttiva per i display che saranno sempre più sottili, definiti e parsimoniosi in termini energetici grazie alla collaborazione col colosso nipponico Japan Display, un pool formato da società come Sony, Toshiba e Hitachi. Leggiamo tutte le anticipazioni con i rumors. Ma c’è anche un’altra teoria, che parla di display OLED doppiamente curvi. iPhone 8 potrebbe dunque potrebbe avere due grandi novità: un cambio di design netto come sarà quello di iPhone 7 quest’anno – come osservato dall’analista cinese Ming Chi Kuo – così come con un doppiamente curvo display così come rumoreggiato da Kevin Wong di IHS China. L’effetto visivo sarebbe davvero suggestivo e interessante con benefici non soltanto alla vista, ma anche all’uso.

    iPhone 8 japan display

    Tutto sarebbe incorporato e protetto dal vetro per un effetto wow assicurato. E le altre voci? Sharp è uno dei maggiori fornitori di schermi LCD per gli attuali iPhone: come forse non tutti sanno, Apple non si affida a singoli fornitori ma su diversi che così consentono di mantenere sempre una certa sicurezza nella produzione (con un solo fornitore, se qualcosa va storto sono guai) e al tempo stesso di scatenare una guerra al ribasso nei prezzi e nelle contrattazioni. Ebbene, per il futuro i californiani dovrebbero rivolgersi sempre alle grandi società giapponesi, soprattutto grazie al colosso Japan Display che accorpa in sé tre giganti del settore come Sony, Toshiba e Hitachi.

    Il futuro del display non può che essere OLED visto che questa tipologia di pannelli consentono di godere di vantaggi in termini di qualità e consumi energetici. Merito della griglia di pixel autoilluminanti che sfruttano la loro componente bianca come “lampada” per colori più vividi e realistici anche grazie a un contrasto massimo grazie al nero più profondo. D’altra parte, per riprodurre l’oscurità basta semplicemente spegnere ogni singolo pixel. Nel mondo mobile, come dimostrato da Samsung, ci si può affidare ai pannelli AMOLED per risultati davvero sorprendenti.

    Ed è proprio in questa direzione che iPhone 8 si muoverà con una sottigliezza incredibile e la capacità di resistere molto bene a urti e stress. Ci sarebbe anche la possibilità di immaginare uno schermo pieghevole, ma non sembra nelle ipotesi di Cupertino che ha presentato iPhone 7 e il modello Plus da meno di un mese, per poi passare direttamente a iPhone 8. Vi terremo aggiornati, d’altronde il futuro è già presente nei laboratori delle società numero uno del tech.

    2199

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleiPhoneSmartphone

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI