Ford al MWC 2014: l’auto che guida da sola e quella che ti trova parcheggio [VIDEO]

Ford al MWC 2014: l’auto che guida da sola e quella che ti trova parcheggio [VIDEO]

Tutte le novità in termini di tecnologia in auto direttamente dal Mobile World Congress 2014 di Barcellona con l'intervista a Paul Mascarenas e tutti gli approfondimenti sulle nuove app inserite in AppLink e i prototipi del futuro

da in Innovazioni Tecnologiche, Lifestyle, Mobile World Congress
Ultimo aggiornamento:

    Tante novità da Ford al Mobile World Congress 2014: dalle nuove applicazioni in AppLink come Parkopedia che ti cerca parcheggio (dal più vicino a quello più economico) alla seconda versione del servizio che porta i software preferiti dello smartphone nell’ambiente auto. Ma anche chicche come l’auto che può guidare completamente in autonomia. C’è parecchia carne al fuoco, iniziamo con il video che potete visualizzare qui sopra e che abbiamo realizzato intervistando Paul Mascarenas – VP e CTO dell’azienda – a proposito del programma al MWC e sulle novità introdotte fino a uno sguardo sul futuro prossimo. Pronti? Saltate dopo la continuazione.

    Iniziamo con il prototipo di automobile a guida completamente automatica esposto in bella mostra al centro dello stand del colosso americano al Mobile World Congress 2014 di Barcellona. Non sarà ovviamente l’antipasto di una prossima commercializzazione, quanto uno studio approfondito per andare a simulare, migliorare e poi applicare le tecnologie al servizio della sicurezza sulle automobili dei prossimi anni. Un po’ come la filosofia del buon Courier di Microsoft (chi se lo ricorda?). Il fulcro del prototipo è un sistema di sensori che analizzano in ogni momento l’area intorno alla vettura per 2.5 milioni di volte al secondo così da poter individuare tutti quegli elementi di potenziale pericolo come ostacoli, altri veicoli, pedoni, ciclisti, ecc..

    Ford auto autonoma

    Allo stand era interessante scoprire che in ogni istante tutti i visitatori erano mappati dalla vettura prototipale e venivano successivamente mostrati su un grande schermo come “entità” arcobaleno che l’auto avrebbe saputo benissimo – nel caso – come evitare. “Questa auto Ford a guida automatica rappresenta un importante passo in avanti verso la realizzazione della nostra ‘vision’ per il futuro della mobilità – ha commentato Stephen Odell, Vice Presidente Esecutivo di Ford Europa, Medio Oriente e Africa – Immaginiamo un domani in cui le auto connesse comunicano le une con le altre rendendo il mondo più sicuro, pulito e meno congestionato. Ciò ci permetterà di contribuire a cambiare il mondo nei prossimi 100 anni ancor più di quanto abbiamo fatto nell’ultimo secolo”.

    Ford Scanner 3D

    Il prototipo utilizza quattro sensori LiDAR (Light Detection And Ranging), che inviano raggi di luce per una scansione tridimensionale dell’area circostante l’auto per 60 metri di raggio. In buona sostanza, tutto ciò che riflette la luce viene individuato e collocato precisamente nella mappa creata, aggiornandosi 2.5 milioni di volte al secondo. Una struttura cognitiva evoluta che consentirà di applicare le tecnologie per evitare collisioni e per proteggere passeggeri, pedoni, ciclisti, altri guidatori e chiunque capiti “a tiro” di un incidente inopinato. Ecco il nostro approfondimento sulle tecnologie al servizio della sicurezza. Nel frattempo Ford sta anche collaborando con progetti insieme al MIT di Boston e l’Università di Stanford per lo sviluppo di algoritmi predittivi e con l’Università di Aachen per lo sviluppo di interfacce uomo-macchina per l’utilizzo a bordo di auto a guida automatica.

    Ford Parkopedia

    “I grandi passi in avanti compiuti da Ford nel campo della ricerca hanno già reso accessibili tecnologie di assistenza alla guida come il SYNC, l’Active Park Assist, l’Active City Stop e il Riconoscimento dei Segnali Stradali – ha affermato Pim van der Jagt, Executive Technical Leader Ricerca e Innovazione, di Ford – I nostri ingegneri stanno sperimentando tecnologie innovative come il parcheggio completamente automatico, dispositivi di aggiramento degli ostacoli e sistemi di guida automatica nel traffico”.

    Le auto connesse sono e saranno il perno del futuro. Oggi abbiamo il primo livello con il sistema Sync App Link per comandi in auto attraverso la voce e per interagire con le app dello smartphone. Il secondo livello si dedica alla connessione via SIM dei veicoli a Internet per monitorare in real time le condizioni. Il terzo è quello della connessione tra auto tramite Wi-Fi sicuro e protetto per comunicare problemi o incidenti o ostacoli, ma non solo.

    Le curiosità tecnologiche su Nina Zilli

    A proposito di sistema SYNC AppLink, al Mobile World Congress 2014 di Barcellona hanno fatto ingresso nuove applicazioni che saranno supportate come Parkopedia e AUPEO! Il primo per accedere a un database di parcheggi in tutta Europa (3000 città in 20 paesi) e così – geolocalizzandosi – trovare quello libero più vicino e/o più economico. Il secondo consente di accedere a oltre 200 radio tematiche in tutto il mondo. La nuova Ford EcoSport – protagonista della serata speciale con Nina Zilli (vedi qui) sarà uno dei primi modelli dotati di questa tecnologia. È stato inoltre lanciato Sync 2 ossia l’assistente di bordo con comandi vocali il più naturale e flessibile possibili, con integrata la famosa Guida Michelin. Debutterà a bordo della nuova Ford Focus.

    898

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Innovazioni TecnologicheLifestyleMobile World Congress
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI