Google convince l’Antitrust, ecco cosa cambierà

Google convince l’Antitrust, ecco cosa cambierà

Google convince l'Antitrust con i suoi impegni, ecco cosa cambierà con questa decisione dell'Autorità che si propone anche per venire incontro al progresso

da in Google, Internet, Motori di ricerca, privacy, Social Media
Ultimo aggiornamento:

    google antitrust italia

    Google sorride, l’Antitrust ha accettato gli impegni del motore di ricerca in merito alla complicata e delicata situazione del rapporto tra contenitore e contenuto nell’aggregatore News. E allo stesso tempo l’Autorità rilancia rivolgendosi alle istituzioni per chiedere un adeguamento delle normative sul diritto d’autore, che necessitano di un aggiornamento vista la radicale e profonda crescita e evoluzione di Internet e dei suoi servizi. Una notizia insomma dal grande potenziale perché potrebbe condizionare anche il futuro della diffusione delle news online. Vediamo cosa cambia.

    Qualche mese fa l’Antitrust aveva intrapreso un’indagine su Google per posizione dominante in merito al rapporto tra il contenitore ossia Google News e il contenuto ossia le notizie pescate e aggregate dagli organi di stampa e network online. Mountain View si era subito messa a disposizione promettendo collaborazione.

    Parte della collaborazione comportava anche maggiore trasparenza nelle condizioni economiche con il disvelamento di informazioni sui guadagni e ricavi pubblicitari. Ma non solo: gli editori potranno agire sulle news pubblicate, per rimuovere o selezionare i contenuti che appariranno sullo spazio di Google News Italia. Sarà anche rimosso il divieto di rilevazione delle letture degli articoli da parte degli utenti.

    Non è finita qui perché preso lo slancio, l’Autorità ha contattato Governo e Parlamento affinché si riveda finalmente questa normativa sui diritti d’autore che è ferma a prima dell’avvento di Internet e dunque richiede di essere aggiornata e adeguata alle innovazioni tecnologiche e economiche che il web ha portato. Google era finita sotto indagine anche da parte della Commissione Europea.

    346

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GoogleInternetMotori di ricercaprivacySocial Media
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI