Nintendo 3DS senza effetti collaterali, ma da usare con moderazione

Nintendo 3DS è confermata essere senza effetti collaterali, parola del presidente societario che però invita a usarla con moderazione, chiamando maggiore responsabilità dei genitori

da , il

    Nintendo 3DS è dannoso sì o no? Qualche giorno fa era apparso un comunicato stampa ufficiale della stessa Nintendo che suggeriva o meglio caldeggiava ai bambini di non giocare con la nuova console con schermo autostereoscopico per non gravare sulla crescita della struttura dell’occhio. Ma è bastato sollevare il polverone che lo stesso presidente societario Satoru Iwata annuncia un parziale dietrofront: al Nintendo World 2011 di Tokyo il numero uno del colosso non ha rigettato del tutto la problematica, ma ha semplicemente ridotto gli allarmismi. Non ci sono effetti collaterali sulla crescita, tuttavia è da usare con moderazione.

    La precauzione nei confronti dei bambini con età inferiore ai 6 anni è da prendersi con il Nintendo 3DS così come con qualsiasi altro dispositivo elettronico, in questo caso però trattandosi della tecnologia 3D è da prendere maggiormente con le pinze quindi aumentando la cautela.

    Il presidente Nintendo Satoru Iwata ha cercato di chiarire la situazione durante un discorso al Nintendo World 2011 di Tokyo: “La Nintendo 3DS non è un prodotto pericoloso e dannoso. Le console di gioco sono utilizzate più di qualsiasi altro dispositivo 3D e i genitori usano i videogames per occupare i figli“. Un po’ come dire: questa tecnologia è straordinaria ma da non abusare e qui la responsabilità è dei genitori più che dei minori.

    La Nintendo 3DS debutterà in Giappone il 26 febbraio prossimo e poco dopo arriverà anche in Italia e nel resto d’Europa. C’è molta attesa per questa speciale console che punta sul 3D come caratteristica peculiare, anche per il prezzo dei suoi titoli. Per non parlare della batteria che sembra avere un’autonomia davvero scarsa: forse meglio così? In tal modo si è obbligati a staccare dopo un tot di ore consecutive.