Natale 2016

Touchscreen Tactus con tasti “veri” a comparsa [FOTO e VIDEO]

Touchscreen Tactus con tasti “veri” a comparsa [FOTO e VIDEO]

Tactus ha presentato un'interessante soluzione ibrida per gli schermi touchscreen che diventano dinamici formando tasti a comparsa grazie a una struttura a membrane, ecco un video

da in Innovazioni Tecnologiche, Touchscreen
Ultimo aggiornamento:

    I touchscreen Tactus provano a superare il grande limite degli schermi tattili. Ci riferiamo ovviamente alla loro natura “non tangibile” nel senso che i pulsanti virtuali non sono reali e dunque non si possono sentire e percepire col polpastrello. Un contro che alcune società hanno provato a eliminare con l’uso della vibrazione, ma che finora si è dimostrato essere piuttosto approssimativo. Così la società Tactus ha presentato già da almeno un anno e mezzo un’interessante soluzione dedicata al mondo degli schermi touchscreen: un display tattile dinamico con tasti che appaiono e scompaiono fornendo un ibrido perfetto tra uno schermo virtuale e una tastiera tradizionale. Come? Grazie a una sorta di sistema a rigonfiamento di quelli che vengono chiamati Tactile Pixels. Ecco il video dal CES 2013 che mostra l’ultima evoluzione.

    Come funziona? Si può percepirne il funzionamento andando a osservare le foto nella nostra gallery qui sopra e il video qui sopra. E’ un dispositivo che si rivolge a chi ama il grande schermo da comandare con le dita ma non vuole perdere la comodità di una tastiera fisica che si può “sentire” sotto i polpastrelli e dunque più agevole per scrivere testo a grande velocità. Grazie alla presenza di membrane, i tasti a rilievo si alzano o si abbassano a seconda delle esigenze dell’utente.

    Tactus ha cercato di rendere facilmente gestibile l’idea di uno schermo touchscreen che diventi all’occorrenza anche un supporto tattile fisico. Insomma, dal piano liscio e senza alcun feedback (fatto salvo per la vibrazione) alla percezione di uno spigolo, di un’escrescenza insomma, che può fornire un immediato riscontro. In questi anni abbiamo ammirato diverse possibili soluzioni come ad esempio le maschere da sovrapporre alle tastiere QWERTY virtuali per una digitazione più confortevole.

    Tactus va però oltre. Si presenta infatti uno scenario “variabile” nel senso in cui si presenta una diversa stratificazione a membrane che entra in funzione quando necessario. A “riposo” è tutto piatto, ma se ad esempio si deve scrivere un testo i pulsanti magicamente appaiono emergendo e riproponendo una struttura simile a una tastiera tradizionale. Attualmente è proprio questa l’unica applicazione di questa tecnologia a livello embrionale, denominata “touchscreen dinamico” proprio per questa sua predisposizione al mutamento veloce e preciso.



    Le potenzialità del prototipo mostrato al convegno SID Display Week 2012 sono molteplici. Il tablet con sistema operativo Android e tecnologia dinamica presentato dal CEO di Tactus, Craig Ciesla, potrebbe ovviamente andare ben oltre la semplice tastiera QWERTY a comparsa. In futuro le membrane potrebbero essere molto più flessibili e quasi malleabili così da creare layout di tasti e tastiera anche personalizzati ad esempio al software che si sta utilizzando o al sito che si sta visitando. Come funziona? Un olio trasparente circola tra le membrane andando a “gonfiare” la superficie in corrispondenza del tasto da creare. I vantaggi sono un consumo energetico estremamente ridotto (perde il 2% della carica totale dopo un giorno d’uso) e veloci tempi di risposta.

    529

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Innovazioni TecnologicheTouchscreen

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI