Natale 2016

Libre, il primo notebook modulare

Libre, il primo notebook modulare
da in Innovazioni Tecnologiche, Notebook
    Libre, il primo notebook modulare

    Avete sempre desiderato poter cambiare le componenti hardware del vostro notebook? Questa è l’idea alla base del progetto Libre, un notebook modulare con CPU sostituibile, realizzato dal team Rhombus Tech. Si tratta di un progetto veramente interessante che punta a rivoluzionare il nostro approccio con la tecnologia, con l’obiettivo di rendere aggiornabili i classici notebook.

    Libre è un notebook modulare con CPU sostituibile pensato e realizzato da Rhombus Tech. E’ già da qualche anno che il team sta lavorando a questo progetto, con nome in codice EOMA68, che mira a realizzare una piattaforma modulare. Così facendo, sarà un gioco da ragazzi aggiornare le componenti hardware come la CPU o la memoria RAM.

    L’obiettivo di Rhombus Tech è quello di installare CPU, memoria e storage all’interno di schede facilmente sostituibili dall’utente. Con questa scelta sarà possibile cambiare la scheda per aumentare le prestazioni del computer portatile, senza dover sostituire il display, la tastiera e molte altre componenti hardware.

    Lo sviluppatore Luke Kenneth Casson Leighton ha mostrato in un video, che potete vedere qui sotto, a che punto è questo progetto. Nel momento in cui scriviamo è stato realizzato lo chassis provvisorio e sono state montate alcune componenti, tra cui uno schermo da 15,6 pollici da 1366×768 pixel, il lettore di schede microSD e la scheda EOMA68 con SoC AllWinner A20.

    Libre, il computer portatile con CPU intercambiabile

    L’attuale prototipo, pur non essendo un campione in termini di performance, include una batteria da 10000 mAh, che garantirà tra le 6 e 8 ore di autonomia. Non mancano le porte USB e la predisposizione per moduli Wi-Fi, 3G, Bluetooth e molto altro.

    Per quanto riguarda il peso, il notebook Libre si aggirerà attorno a 1,1 kg. Un altra scelta importante riguarda il sistema operativo, completamente open source, mentre alcune componenti dello chassis verranno stampate tramite stampanti 3D.

    L’idea alla base del progetto di Libre è veramente interessante, anche se si tratta di una soluzione per utenti che non esigono performance elevate. Di fatto, il notebook Libre può essere una valida alternativa a modelli entry-level e un progetto intrigante per tutti i maker e coloro che utilizzano software open source.

    403

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Innovazioni TecnologicheNotebook

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI