Libre, il primo notebook modulare

da , il

    Libre, il primo notebook modulare

    Avete sempre desiderato poter cambiare le componenti hardware del vostro notebook? Questa è l’idea alla base del progetto Libre, un notebook modulare con CPU sostituibile, realizzato dal team Rhombus Tech. Si tratta di un progetto veramente interessante che punta a rivoluzionare il nostro approccio con la tecnologia, con l’obiettivo di rendere aggiornabili i classici notebook.

    Libre è un notebook modulare con CPU sostituibile pensato e realizzato da Rhombus Tech. E’ già da qualche anno che il team sta lavorando a questo progetto, con nome in codice EOMA68, che mira a realizzare una piattaforma modulare. Così facendo, sarà un gioco da ragazzi aggiornare le componenti hardware come la CPU o la memoria RAM.

    L’obiettivo di Rhombus Tech è quello di installare CPU, memoria e storage all’interno di schede facilmente sostituibili dall’utente. Con questa scelta sarà possibile cambiare la scheda per aumentare le prestazioni del computer portatile, senza dover sostituire il display, la tastiera e molte altre componenti hardware.

    Lo sviluppatore Luke Kenneth Casson Leighton ha mostrato in un video, che potete vedere qui sotto, a che punto è questo progetto. Nel momento in cui scriviamo è stato realizzato lo chassis provvisorio e sono state montate alcune componenti, tra cui uno schermo da 15,6 pollici da 1366×768 pixel, il lettore di schede microSD e la scheda EOMA68 con SoC AllWinner A20.

    L’attuale prototipo, pur non essendo un campione in termini di performance, include una batteria da 10000 mAh, che garantirà tra le 6 e 8 ore di autonomia. Non mancano le porte USB e la predisposizione per moduli Wi-Fi, 3G, Bluetooth e molto altro.

    Per quanto riguarda il peso, il notebook Libre si aggirerà attorno a 1,1 kg. Un altra scelta importante riguarda il sistema operativo, completamente open source, mentre alcune componenti dello chassis verranno stampate tramite stampanti 3D.

    L’idea alla base del progetto di Libre è veramente interessante, anche se si tratta di una soluzione per utenti che non esigono performance elevate. Di fatto, il notebook Libre può essere una valida alternativa a modelli entry-level e un progetto intrigante per tutti i maker e coloro che utilizzano software open source.