Natale 2016

Magnus, lo Shazam dei quadri

Magnus, lo Shazam dei quadri
da in Applicazioni, Games Week
Ultimo aggiornamento:
    Magnus, lo Shazam dei quadri

    Il mercato dell’arte sta diventando sempre più digitale grazie a Magnus, lo Shazam dei quadri. Impiegando una tecnologia di riconoscimento digitale, Magnus risonosce un’opera e permette di comprenderne l’autore, la storia delle passate compravendite e anche il prezzo a cui è stata venduta. Si tratta di un’idea veramente interessante, che punta a rivoluzionare il mercato dell’arte. Scopriamo più in dettaglio come funziona Magnus.

    Magnus è la nuova applicazione che punta a rivoluzionare il mercato dell’arte, con l’obiettivo di renderlo trasparente e accessibile a tutti. Si tratta di uno Shazam dell’arte, visto che scattando una foto a un oggetto d’arte è in grado di spiegare qual è l’autore, la storia e vedere tutte le passate compravendite.

    Per accedere a questo mondo basta scaricare l’applicazione gratuita, e poi scattare con lo smartphone una foto del quadro o della scultura mentre si visita una galleria. Con una banca dati di oltre 8 milioni di opere, Magnus permette di ottenere, in tempo reale, tutti i dati riguardanti un determinato oggetto d’arte.

    Per la realizzazione di Magnus ci sono voluti tre anni e, nel momento in cui scriviamo, questa applicazione funziona solamente nella città di New York, ma in futuro verrà resa disponibile in altre città, come Londra e Berlino.

    Tra le particolarità di Magnus vi è quella di offrire biografie degli artisti e una mappa delle gallerie e musei vicini all’utente, con tutte le mostre in corso e gli orari di apertura.

    Come è possibile comprendere, Magnus è un’applicazione estremamente utile per coloro che amano l’arte e sono curiosi di scoprire l’effettivo valore di un quadro o una scultura.

    Non solo, la trasparenza dei prezzi è estremamente importante, visto che permette ai non esperti di accostarsi al mondo dell’arte comprendendo gli effettivi valori di ogni singola d’opera. In passato ciò non era possibile e anche le gallerie d’arte non tendono ad esporre i prezzi insieme alle opere. Quindi, proprio in questo settore Magnus può essere l’app che rendere l’arte alla portata di tutti.

    Ricordiamo, infine, che Magnus offre la possibilità di condividere su Instagram, WhatsApp, Facebook, email o con un messaggio di testo tutte le proprie opere preferite.

    411

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ApplicazioniGames Week

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI