Huawei Mate 10 Pro: la recensione

Recensione Huawei Mate 10 Pro, smartphone top di gamma del produttore cinese dotato di intelligenza artificiale, fotocamere Leica e specifiche tecniche all'avanguardia

da , il

    Huawei Mate 10 Pro: la recensione

    Il nuovo Huawei Mate 10 Pro rappresenta lo stato dell’arte del produttore cinese, con un display in rapporto 18:9, specifiche tecniche di fascia alta e un design ricercato. In questa recensione andiamo ad analizzare in dettaglio i punti di forza e i punti deboli del top di gamma del produttore cinese, presentato a Monaco di Baviera. Non resta, quindi, che scoprire più in dettaglio Huawei Mate 10 Pro, dispositivo dotato di intelligenza artificiale.

    Unboxing

    Huawei Mate 10 Pro unboxing

    L’esperienza di unboxing di Huawei Mate 10 Pro mostra tutta l’attenzione che è stata posta nella creazione di una scatola raffinata, in cui ogni minimo dettaglio non è lasciato al caso.

    Design smartphone Huawei Mate 10 Pro
    Contenuto confezione unboxing Huawei Mate 10 Pro

    All’interno della confezione troviamo Huawei Mate 10 Pro, il cavo USB – USB Type-C, l’alimentatore e gli auricolari, anch’essi dotati di porta USB Type-C. La qualità audio di quest’ultimi è molto buona, con bassi, medi e alti bilanciati.

    Design e materiali

    Huawei Mate 10 Pro retro dettaglio

    Il design di Huawei Mate 10 Pro è moderno, lineare e caratterizzato da una fascia posta sulla parte posteriore, con colorazione in contrasto rispetto al resto della scocca. Huawei ha utilizzato materiali premium come il metallo, per il profilo, e il vetro.

    Ogni volta che si utilizza Huawei Mate 10 Pro si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad uno smartphone ben costruito, solido, anche se la parte posteriore riesce a catturare e trattenere facilmente le impronte. Su quest’ultima troviamo due fotocamere, un doppio flash led e il sensore laser per la messa a fuoco. Non manca il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali, estremamente rapido nel riconoscere le impronte.

    Se da un lato le dimensioni di Mate 10 Pro possono risultare proibitive per l’utilizzo con una sola mano, dall’altro Huawei offre la possibilità di ridurre le dimensioni dell’interfaccia utente, con un semplice scorrimento del dito sui tasti funzione.

    Specifiche tecniche

    Dettaglio schermo Huawei Mate 10 Pro

    Rispetto ai precedenti modelli, sul fronte delle specifiche tecniche, Huawei Mate 10 Pro è il primo smartphone del produttore cinese con display in rapporto 18:9 e processore Kirin 970, un SoC potente e dotato di un sistema di intelligenza artificiale integrato.

    Di seguito tutte le caratteristiche tecniche di Huawei Mate 10 Pro:

    Specifiche tecnicheHuawei Mate 10 Pro
    Dimensioni154.2mm x 74.5mm x 7.9mm
    Peso178 grammi
    Display6.0 pollici 2160×1080 OLED touchscreen, 402ppi
    ProcessoreHiSilicon Kirin 970 octa-core 2.4GHz
    GPUMali-G72 MP12
    Spazio di archiviazione128GB
    Memoria RAM6GB
    Fotocamera posteriore12 Megapixel f/1.6 con OIS a colori + 20 Megapixel f/1.6 monocromatico. Possibilità di registrare video 4K a 30fps
    Fotocamera anteriore8 Megapixel f/2.0
    Connettività802.11 ac Wi-Fi bande 2.4 e 5GHz, Bluetooth 4.2, NFC, GPS + Glonass, 4G LTE Cat 18, Type-C 3.1
    Batteria4000mAh
    SIMDual nano-SIM, Dual LTE

    All’interno di Kirin 970 troviamo il coprocessore i7 per la gestione dei sensori e un’unità di calcolo neurale, denominata NPU (Neural Processing Unit). Quest’ultima permette di ottimizzare la gestione del dispositivo, elaborare oltre 2000 immagini al minuto, riconoscere in tempo reale gli oggetti inquadrati o identificare gli scenari, oltre a migliorare la qualità delle chiamate nel caso in cui ci si trovi in ambienti rumorosi. A detta di Huawei, l’unità di calcolo neurale permetterà, nel lungo periodo, di ottenere una maggior ottimizzazione dei consumi e offrire benefici durante l’utilizzo quotidiano.

    Tra le grandi novità di Mate 10 Pro vi è anche lo schermo OLED da 6 pollici, con supporto HDR 10. Il rapporto di forma non è il classico 16:9, bensì 18:9 con risoluzione pari a 2160×1080 pixel e densità di 402ppi. Il rapporto screen-to-body è dell’81% e questo valore è dovuto alle cornici estremamente ridotte.

    Il pannello OLED del top di gamma di Huawei risulta luminoso, ben definito e con un ottimo contrasto e angoli di visione molto ampi. Inoltre, all’interno delle impostazioni del sistema operativo è possibile gestire la temperatura del colore. Per quanto riguarda l’utilizzo alla luce diretta del sole, Huawei Mate 10 Pro non ha mostrato alcun problema.

    Prestazioni ed esperienza di utilizzo

    Durante la nostra esperienza di utilizzo abbiamo potuto analizzare da vicino tutte le potenzialità offerte da Huawei Mate 10 Pro. In termini di pura potenza computazionale, il SoC Kirin 970 ha fatto segnare quasi 175 mila punti su AnTuTu, mentre su GeekBench si tocca 1908 punti in single core e 6693 in multi-core.

    AnTuTu e GeekBench Mate 10 Pro

    Rispetto a molti altri smartphone, il top di gamma di casa Huawei ha una gestione molto efficiente in termini di consumo energetico, come scopriremo tra poco. Un altro punto di forza riguarda la ricezione del segnale, ottima anche nelle zone più remote in cui altri smartphone non riescono a rimanere agganciati alla cella.

    Inoltre, la qualità audio durante la riproduzione musicale è buona, anche se il focus viene posto maggiormente sulle tonalità alte. In questo caso, Huawei ha optato per utilizzare sia lo speaker di sistema che la capsula auricolare, al fine di offrire un audio stereofonico. Un potenziale bug software che abbiamo riscontrato riguarda il sistema di regolazione del volume che, a nostro avviso, non è totalmente omogeneo. Portando l’audio dallo 0% fino al 75% non si percepisce una crescita proporzionale, mentre dal 75% al 100% il volume sembra aumentare in modo “esponenziale”.

    Anche la modalità desktop, che può essere attivata collegando Huawei Mate 10 Pro a un monitor esterno tramite cavo USB Type-C/HDMI o un adattatore, rappresenta un valore aggiunto. Abbiamo apprezzato la possibilità di utilizzare in contemporanea sia lo schermo dello smartphone che quello del display. collegare mouse e tastiera esterni oppure utilizzare il display dello smartphone come sorta di trackpad. L’esperienza d’uso è molto buona considerando che Mate 10 Pro non richiede alcun dock esterno e può essere sempre utilizzato per chiamare o rispondere a messaggi mentre è collegato allo schermo.

    Doppia fotocamera posteriore

    Doppia fotocamera posteriore Huawei Mate 10 Pro

    Come da tradizione Huawei, anche il nuovo Mate 10 Pro offre un comparto fotografico realizzato in collaborazione con Leica. Per questo top di gamma sono stati scelti due sensori: il primo da 12 megapixel RGB con stabilizzazione ottica, il secondo monocromatico da 20 megapixel. Entrambi i sensori sono dotati di un’apertura f/1.6 molto ampia.

    La fotocamera frontale, invece, è dotata di un sensore da 8 megapixel con apertura f/2.0 con una qualità leggermente più che sufficiente.

    L’interfaccia grafica della fotocamera è quella classica Huawei. Rispetto ai precedenti modelli, su Mate 10 Pro troviamo la possibilità di realizzare scatti sfruttando l’intelligenza artificiale. Inquadrando un oggetto come un fiore, un volto o del cibo, la fotocamera riconosce automaticamente il soggetto della foto e ottimizza lo scatto in modo completamente automatico.

    Fotocamera Huawei Mate 10 Pro intelligenza artificiale, PRO e zoom

    Tra le funzionalità offerte vi sono la modalità PRO, all’interno della quale gestire tutte le impostazioni, la possibilità di salvare fotografie in formato RAW e anche lo scatto HDR che, tuttavia, è soltanto manuale. Non mancano la modalità bianco e nero, ritratto e la possibilità di scegliere vari effetti.

    Modalità scatto e impostazioni risoluzione

    In termini qualitativi, la fotocamera posteriore risulta ottima, soprattutto quando vi è un’elevata illuminazione. Al buio, le fotografie iniziano ad essere un po’ impastate, con una netta perdità di dettaglio.

    sdr
    cof
    Foto con poca luce Huawei Mate 10 Pro
    Foto test dettaglio Huawei Mate 10 Pro

    Nel caso in cui si realizzino foto in bianco e nero, sfruttando il sensore monocromatico, è possibile catturare molteplici dettagli. La qualità complessiva delle foto in questa modalità è ottima, con una gamma dinamica notevole.

    Foto in bianco e nero Huawei Mate 10 Pro
    Huawei Mate 10 Pro dettaglio bianco e nero
    Dettaglio immagine scala mobile bianco e nero Huawei Mate 10 Pro

    Infine, la qualità dei video è buona, anche se la stabilizzazione ottica e digitale non riescono a compensare i movimenti.

    Ricordiamo che i caso di riprese in Full HD a 60fps e in 4K, la stabilizzazione è solamente ottica. Quest’ultima, come mostrato nel video qui sopra, non riesce a eliminare i movimenti e le vibrazioni mentre si sta camminando.

    Sistema operativo e batteria

    Huawei Mate 10 Pro USB Type C

    A bordo di Huawei Mate 10 Pro troviamo Android 8.0 Oreo, affiancato dalla nuova EMUI. Nel momento in cui stiamo scrivendo, lo smartphone è dotato della versione 115.

    Funzionalità Android 8.0 Oreo Huawei Mate 10 Pro

    Tra le novità più importanti di Android 8.0 Oreo vi è la funzione split screen, che permette di dividere il display, molto utile nel caso in cui si stiano utilizzando due app nello stesso momento. Non solo, tra le applicazioni presenti vi è il traduttore Microsoft Translator, appositamente ottimizzato per utilizzare l’intelligenza artificiale del processore al fine di riconoscere il testo e le immagini, con traduzioni quasi istantanee per oltre 50 lingue.

    Microsoft Translator Huawei Mate 10 Pro app

    La batteria di Huawei Mate 10 Pro ha una capacità da 4000mAh e offre un’autonomia più che sufficiente per arrivare a fine giornata. Nel caso di un utilizzo particolarmente intenso, si può arrivare all’ora di cena con circa il 25-30% di batteria residua, mentre con un utilizzo normale è possibile raggiungere anche due giorni di durata. Nella nostra giornata stress abbiamo raggiunto 9 ore di display attivo su 16 ore di utilizzo.

    Huawei Mate 10 Pro Android 8.0 Oreo

    Nel caso in cui l’autonomia non fosse sufficiente, è possibile attivare le modalità di risparmio energetico fornite dalla EMUI. Ad esempio, la modalità ultra risparmio energetico permette di ottenere fino a 10 ore di autonomia consumando solo il 10% di batteria.

    Rispetto a molti altri smartphone top di gamma, Mate 10 Pro non ha la ricarica wireless, anche se supporta la tecnologia di ricarica rapida Supercharge, certificata TÜV, con cui raggiungere oltre il 50% in soli 30 minuti. Il cavo di ricarica è solido e robusto, mentre l’alimentatore risulta compatto e facile da trasportare con sé.

    Conclusioni e prezzo

    Huawei Mate 10 Pro prezzo

    Huawei Mate 10 Pro è disponibile al prezzo di 849 euro. Preordinandolo entro il 15 novembre è possibile ricevere, in omaggio, lo Smart Writing Set di Moleskine.

    Seppur il prezzo possa essere considerato da alcuni un po’ elevato, a nostro avviso Mate 10 Pro è uno smartphone completo, potente, con due ottime fotocamere posteriori e un’autonomia che sorprende. Se da un lato si fa sentire l’assenza della ricarica wireless e del Bluetooth 5.0, dall’altro vi sono caratteristiche molto particolari, che abbiamo descritto in questa recensione.

    Se stai cercando uno smartphone top di gamma, con una fotocamera di qualità e un processore con elevata potenza computazionale, Huawei Mate 10 Pro può essere la scelta ideale.