HTC One X+ pompa batteria, processore e memoria [FOTO]

HTC One X+ è il nuovo smartphone con sistema operativo Android e processore quad core da 1

Pubblicato da Diego Barbera Martedì 2 ottobre 2012

HTC One X+ è realtà e si appresta a uscire in Italia a breve per un prezzo ancora da comunicare. Dopo aver conosciuto il primo One X e con lui anche i fratelli minori HTC One S e HTC One V, è ora il turno del modello superiore, che migliora processore, memoria e batteria. HTC One X+, con il suo processore quad core da 1.7GHz Nvidia Tegra, una memoria da 64 GB e batteria da 2100 mAh si propone di sbaragliare la concorrenza ma non sarà facile, visto che i primi a rumoreggiare per la presentazione sono gli stessi proprietari del primo One X: uscito da una manciata di settimane con un prezzo importante di 699 euro, è già stato superato.

Continuando la gamma, HTC One X+ è uno dei più potenti e performanti smartphone Android mai prodotti, un prodigio di tecnica che miscela un aspetto curato e accattivante (seppur piuttosto standard) con una scelta di componenti interni di alto range. Basti citare il processore Nvidia Tegra quad core da 1.7GHz, connettività HSDPA 21 Mbps e HSUPA 5.76 Mbps, sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean, touchscreen da 4.7″ LCD a risoluzione di 1280×720 pixel e fotocamera di grande qualità con sensore retroilluminato e resa superiore alla media.

La scheda tecnica di HTC One X+:

  • Sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean con Sense 4+
  • Schermo touchscreen 4.7 pollici Super IPS HD
  • Fotocamera da 8 megapixel sul retro sensore BSI, 1.6 megapixel sul fronte
  • Videorecording Full HD 1080p
  • Memoria da 64GB
  • Processore Nvidia Tegra 3 quad core da 1.7GHz
  • Bluetooth
  • GPS
  • Wi-Fi
  • Dimensioni 134.36 x 69.9 x 8.9mm per 135 grammi
  • Batteria 2100mAh

htc one x htc one s nexus s

Riepilogando anche il resto dei componenti della serie, iniziamo da HTC One X (ecco la nostra videorecensione):

  • Sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich con interfaccia Sense
  • Schermo touchscreen 4.7 pollici Super IPS HD
  • Fotocamera da 8 megapixel sul retro sensore BSI, 1.3 megapixel sul fronte
  • Videorecording Full HD 1080p
  • Memoria da 32GB non espandibile, 25GB on the cloud con Dropbox
  • Processore Nvidia Tegra 3 quad core da 1.5GHz con 1GB Ram
  • Bluetooth
  • GPS
  • Wi-Fi
  • Dimensioni: 134.36 x 69.9 x 8.9 mm per 130 grammi di peso
  • Sensori: giroscopio, gravità, bussola digitale, prossimità e luminosità ambientale
  • Lettore multimediale: .aac, .amr, .ogg, .m4a, .mid, .mp3, .wav, .wma (Windows Media Audio 9) e video 3gp, .3g2, .mp4, .wmv (Windows Media Video 9), .avi (MP4 ASP e MP3)
  • Batteria 1800mAh

HTC One S si troverà a un costo di 599 euro, prende la stessa base di HTC One X con qualche piccolo downgrade come ad esempio il processore che è dual core, lo schermo che è da 540×960 pixel. Ecco lo specchietto che ne riassume le caratteristiche tecniche:

  • Sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich con Sense 4
  • Schermo touchscreen 4.7 pollici 540×960 pixel
  • Fotocamera da 8 megapixel sul retro sensore BSI, 1.3 megapixel sul fronte
  • Videorecording Full HD 1080p
  • Memoria da 16GB
  • Processore dual core da 1.5GHz
  • Bluetooth
  • GPS
  • Wi-Fi

HTC One V avrà un costo di 349 euro e sarà sempre dotato di sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich, ma il processore sarà single-core da 1GHz, il display da 3.7″ LCD a risoluzione di 480×800 pixel, la memoria da 4GB e la fotocamera da 5 megapixel, ecco la lista delle specifiche tecniche:

  • Sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich
  • Processore 1GHz single-core Qualcomm
  • 512MB RAM
  • Memoria 4GB
  • Dimensioni 120.3 x 59.7 x 9.2 millimetri
  • Peso 115 grammi
  • Schermo touchscreen 3.7 pollici TFT risoluzione 480 x 800 pixel
  • Interfaccia HTC Sense UI
  • Fotocamera 5-megapixel con flash LED e autofocus
  • MicroSD card slot fino a 32GB
  • GPS con bussola
  • Bluetooth v4.0 A2DP
  • WiFi
  • MicroUSB

In generale, si poteva sperare in costi più contenuti, ad esempio i 599 euro di One S potevano essere per One X. Un centinaio di euro in meno per ogni modello e sarebbero diventati sicuramente best seller. Così, si brucia un po’ del loro grande potenziale.