Natale 2016

Facebook e la privacy: Zuckerberg ammette gli errori e si scusa

Facebook e la privacy: Zuckerberg ammette gli errori e si scusa

Facebook e la privacy in eterno conflitto, Mark Zuckerberg ammette gli errori e si scusa pubblicamente, ecco tutti i dettagli sulle dichiarazioni del fondatore del social network

da in Facebook, Internet, Sicurezza Informatica, Social Media
Ultimo aggiornamento:

    Facebook chiede scusa nella persona di Mark Zuckerberg stesso: il giovane fondatore del social network – ora miliardario nonché protagonista (negativo) del film sul fenomeno – ammette gli errori e chiede pubblicamente perdono per non aver rispettato a dovere la privacy degli iscritti.

    Ve ne avevamo parlato qualche tempo fa, Facebook continua nella sua politica dell’opt-out invece che dell’opt-in nel senso che più che garantire la scelta di aderire o no a un servizio o a una nuova regolamentazione, obbliga gli iscritti a togliersi da una o dall’altra opzione. E’ stato un lento ma inesorabile declino del rispetto della privacy.

    Tutto è esposto, tutto è pubblico, sta all’utente scegliere di non renderlo tale, ma i meno esperti o semplicemente più pigri potrebbero non seguire l’evoluzione a tutto vantaggio dello stesso Facebook che così può contare su un bacino di informazioni di straordinario valore commerciale.


    Facendo buon viso a cattivo gioco, Mark “Facebook” Zuckerberg ha rilasciato un’intervista al Washington Post ammette pesanti errori nella gestione delle misure di controllo dei dati sensibili. “Speriamo siano gli ultimi – ha affermato – il servizio sarà migliore. Abbiamo recepito le critiche“.

    221

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FacebookInternetSicurezza InformaticaSocial Media

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI