Cinquanta sfumature di grigio è stato scritto con un Blackberry

Si può scrivere un romano da oltre 100 milioni di copie vendute con un BlackBerry? Si è possibile ed è quello che ha fatto l'autrice di 50 sfumature di grigio

da , il

    50 sfumature di grigio

    In questi giorni c’è un film che sta sbancando tutti i botteghini stiamo parlando di “50 sfumature di grigio” che, dati alla mano confermati anche da Cinetel, ha fatto solamente in Italia 8 milioni di euro (dato aggiornato al 18 febbraio). Il successo di questo film è dovuto da un ottimo lavoro di marketing e soprattutto dal libro da cui è stato ripreso. Il libro scritto da Erika Leonard James ha venduto oltre 100 milioni di copie ed è stato tradotto in 52 lingue. Tralasciando l’argomento del libro la vera particolarità è che buona parte è stato scritto usando un Blackberry.

    Si hai letto bene, il best-seller 50 sfumature di grigio è stato scritto, almeno in buona parte, utilizzando un Blackberry. Questo è quello che ha dichiarato l’autrice in una intervista rilasciata alla emittente televisiva ABC. Questo rappresenta bene il concetto di lavoro in mobilità grazie alle tecnologie che abbiamo attualmente a disposizione.

    La James ha infatti confessato che nei momenti che era in viaggio, o comunque non a casa, e che quindi non poteva utilizzare il suo Mac ha utilizzato moltissimo il suo BlackBerry per scrivere buona parte del libro.

    L’autrice deve avere un buon feeling con la casa canadese, visto che il protagonista del libro utilizza anche lui un BlackBerry. Le cose invece cambiano nel film perché il protagonista, Christian Grey, utilizza un iPhone forse perché il regista utilizza un iPhone? Potrebbe, visto che noi tendiamo a portare sempre la nostra esperienza diretta nei lavori.

    Sicuramente, vista la portata del successo del libro, la scelta di far utilizzare un BlackBerry al protagonista del libro che ha venduto più di 100 milioni di copie è sicuramente stata un ottima pubblicità per l’azienda canadese.

    Questa notizia conferma un paio di concetti molto importanti che bisogna tenere sempre in mente: lavorare in mobilità si può e una user experience positiva legata al passaparola sono la migliore pubblicità.

    L’autrice è riuscita a lavorare al suo romanzo anche quando era lontano da casa utilizzando il suo smartphone, una connessione internet e un servizio cloud dove archiviare il tutto ed è riuscita a fare un ottimo lavoro visti i risultati. Inoltre l’autrice si è trovata così bene con il BlackBerry che l’ha inserito nel libro e l’ha fatto diventare lo smartphone del protagonista.

    L’user experience positiva legata a un passaparola di oltre 100 milioni di persone sono stati una ottima pubblicità per l’azienda canadese, che in questi ultimi mesi sta cercando di riconquistare il mercato, stessa cosa vale per il film dove il registra ha deciso di fornire Christian Grey di un iPhone.