Google Maps: arriva la navigazione offline

Google Maps sta per ricevere un aggiornamento che permetterà la navigazione offline di una determinata porzione di territorio

da , il

    Maps

    Google Maps è il servizio di geolocalizzazione più utilizzato al mondo, ma ha il difetto di non poter essere utilizzato offline, per cui è in arrivo un aggiornamento che permetterà questa funzionalità sui dispositivi Android e, più tardi, anche su iOS. Diciamoci la verità, Google Maps è comodissimo e negli anni si è migliorato sempre di più fino a diventare quasi indispensabile alle persone che, per lavoro o per puro piacere, devono muoversi di città in città, quindi Google decide di migliorarlo ancora inserendo la possibilità di navigazione offline, tanto desiderata dagli utenti. Finalmente, aggiungeremmo.

    Il funzionamento è molto semplice: Google Maps chiederà all’utente di segnalare un’area specifica da memorizzare e per quella specifica porzione di territorio saranno salvate le relative mappe e, ogni 15 giorni e solo se il device sarà collegato al caricabatterie e connesso ad una rete Wi-fi, le mappe si aggiorneranno così da non rischiare di “rimanere indietro”. Ci sono, però delle limitazioni: non essendo collegato ad una rete mobile, Google Maps offline mostrerà per i vari negozi e ristoranti solo numero di stelle, numero di telefono e ovviamente il loro nome, senza mostrare alcuna foto o voto da parte degli utenti poiché queste informazioni sono aggiornate giornalmente. Inoltre, non si potrà passare alla vista satellitare e non si potrà scegliere di evidenziare le direzioni dei trasporti pubblici. Nonostante ciò, questo è davvero un ottimo upgrade del servizio e non vediamo l’ora che arrivi anche da noi in Italia. Gli utenti iOS, invece dovranno attendere un paio di settimane dopo la release su Android per usufruire pienamente del servizio.

    Non c’è che dire. Questa mossa da parte di Google ci voleva davvero, soprattutto in un Paese come l’Italia dove le connessioni Wi-fi libere non sono troppo frequenti e molto spesso, nelle zone poco abitate, non vi è copertura di rete. Non vediamo l’ora di provare questo servizio sui nostri dispositivi.