Scansioni Cerebrali della Memoria e dei Ricordi

La memoria di un essere umano non è poi così differente da quella di un PC, per ora non esistono ancora gli strumenti per leggerla e magari digitalizzarla tuttavia un recente esperimento ha dimostrato che è possibile distinguere un ricordo da un altro.   Attraverso una scansione cerebrale elettronica (MRI) è possibile accedere e spiare […]

Pubblicato da redazione tecnocino Martedì 16 marzo 2010

La memoria di un essere umano non è poi così differente da quella di un PC, per ora non esistono ancora gli strumenti per leggerla e magari digitalizzarla tuttavia un recente esperimento ha dimostrato che è possibile distinguere un ricordo da un altro.
 
Attraverso una scansione cerebrale elettronica (MRI) è possibile accedere e spiare l’attività del nostro vero personal computer concentrandosi sull’area dei ricordi. E’ stato così possibile capire come prevedere una rimembranza rispetto a un’altra.

I ricercatori della University College London hanno condotto alcuni test su volontari: i tester dovevano osservare tre differenti videoclip e successivamente sforzarsi a “creare” nuovi ricordi di ciascuno. Una volta collegati ai macchinari dovevano ricordare le scene il più nitidamente possibile, l’attività è stata registrata pe ogni ricordo.
 
Le scansioni hanno dimostrato che la rimembranza di ogni scena scatena una distinta porzione di neuroni e quando ad esempio al tester A veniva chiesto di ricordare la clip X, i ricercatori potevano decifrare l’attività cerebrale intepretando i pensieri. E’ anche emerso che ogni persona attua la memoria in modo differente, stimolando diverse aree e con diversa intensità.
 
Il cervello sarà il controller del futuro? Esiste già un flipper controllato dalla mente e un prototipo di sedia a rotelle controllata dal pensiero.