Con Aurasma, la realtà aumentata entrerà davvero nel quotidiano

Aurasma aiuterà a rendere la Realtà Aumentata un software cardine della quotidianità non solo hitech, grazie alla sua straordinaria innovazione

Pubblicato da Diego Barbera Martedì 19 luglio 2011

La realtà aumentata ha incontrato il propulsore che le permetterà di sfondare nel quotidiano: Aurasma. Altro che codici QR, la piattaforma che ha appena annunciato di aver raggiunto il milione di utenti attivi sarà l’arma definitiva per il successo dell’AR e la sua entrata piena nell’uso di tutti i giorni, non solo strettamente legato ai tecnofili. Già, perché Aurasma segue il comandamento dell’ideale tecnologia per tutti ossia quello dell’immediatezza e semplicità. Come funziona? Il video qui sopra ne illustra le funzionalità e l’uso, strabilianti.

La realtà aumentata è uno “strato” arricchito di informazioni e animazioni che viene applicato sul touchscreen sfruttando ciò che l’obiettivo della fotocamera inquadra, geolocalizzando con il GPS e traendo tutti i dati dalla rete, grazie alla connessione del cellulare, smartphone o tablet.

Aurasma parte da queste basi per dare letteralmente vita all’insospettabile. Si inquadra col cellulare/tablet connesso una pagina di giornale sportivo e la foto della partita farà partire gli highlights; una pubblicità alla fermata dell’autobus si animerà in 3D, una locandina cinematografica mostrerà il trailer e così via. In modo più pieno e vitale rispetto ai codici QR.

I partner sono nomi pesanti come Paramount Pictures (che lo usa per promuovere Super8), Mediacom, Tsubo e Universal. Non sono richieste particolari conoscenze hi-tech o informatiche, si inquadra l’oggetto con la fotocamera e il gioco è fatto.

Alcune delle ultime trovate in ambito realtà aumentata? Gli occhiali sportivi con LCD integrato, le futuristiche lenti a contatto con 3D proiettato in retina ed ecco tutte le applicazioni più interessanti per smartphone.