LG G7 (ThinQ): scheda tecnica, prezzo e uscita ufficiali

Tutte le informazioni su LG G7, alias ThinQ, il nuovo top di gamma della società sudcoreana con intelligenza artificiale che dovrebbe debuttare nel corso dei prossimi mesi, forse già a Maggio. Tutte le voci a proposito di hardware e dettagli, con gli ultimi aggiornamenti anche sul possibile prezzo di vendita

da , il

    LG G7 (ThinQ): scheda tecnica, prezzo e uscita ufficiali

    LG G7 alias LG G7 ThinQ è stato finalmente presentato ieri sera a New York con un evento dedicato e si prepara per l’uscita e debutto in grande stile in tutto il mondo, con una scheda tecnica notevole, prestante e con tante novità a livello hardware e software. E sì, c’è il notch. Dopo le voci che arrivavano a Febbraio dal Mobile World Congress 2018 di Barcellona, dove il futuro flagship non era presente, ma che era stato individuato dal giornalista israeliano di Ynet che l’ha scovato quasi per caso, finalmente è tutto pronto.

    Oltre all’immancabile notch, troveremo a bordo il SoC Snapdragon 845, così come una doppia fotocamera sul retro e sensore sensibile sul fronte, un quantitativo di fino a 6GB di Ram a supporto. Scopriamo anche le prime informazioni sul prezzo di vendita.

    LG G7 altrimenti noto anche come LG G7 ThinQ avrà una profonda predisposizione all’intelligenza artificiale. La fotocamera posteriore sarà dotata di doppio sensore con quello principale da 16 megapixel con apertura focale da f/1.6 per prestazioni eccellenti in scarsa condizione di luce naturale. Un terminale davvero completo questo LG G7 che uscirà a stretto giro di posta in Italia e resto del mondo.

    La scheda tecnica di LG G7

    LG G7 con Android

    La scheda tecnica di LG G7 considera la presenza di uno schermo da 6,1 pollici di tipo IPS QHD+ (1.440 x 3.120 pixel, 19,5:9, 564ppi) FullVision Super Bright protetto da Gorilla Glass 5, è mosso da un SoC Qualcomm Snapdragon 845 con 4/6 GB LPDDR4x, memoria da 64/128 GB UFS 2.1 espandibile con microSD fino a 2 TB. La fotocamera sul retro ha sensore doppio da 16 megapixel con lenti f/1.6, FOV 71° e OIS e f/1.9, FOV 107° grandangolare più sensore frontale da 8 megapixel f/1.9, FOV 80°. I moduli sono LTE, Wi-Fi 802.11 ac (dual band), Bluetooth 5.0, NFC, USB Type-C 2.0 (compatibile con 3.1), troviamo dimensioni da 153,2 x 71,9 x 7,9 mm per un peso di 162 grammi, batteria da 3.000 mAh con Quick Charge 3.0 e sistema operativo Android 8.0 Oreo.

    Specifiche tecnicheLG G7
    Dimensioni153,2 x 71,9 x 7,9 mm
    Peso162 grammi
    Sistema operativoAndroid 8.0 Oreo
    Display6,1 pollici di tipo IPS QHD+ (1.440 x 3.120 pixel, 19,5:9, 564ppi) FullVision Super Bright
    ProcessoreSnapdragon 845
    Spazio di archiviazione64/128GB
    Memoria RAM4/6GB
    Fotocamera posterioredoppia da 16+16 megapixel
    Fotocamera anteriore8 megapixel
    ConnettivitàLTE, Wi-Fi 802.11 ac (dual band), Bluetooth 5.0, NFC, USB Type-C 2.0
    Batteria3000mAh

    LG G7 uscita e prezzo

    LG G7 si troverà nei colori New Platinum Gray, New Aurora Black, New Moroccan Blue e Raspberry Rose. Il prezzo di LG G7 dovrebbe essere compreso in una forbice tra 799-899 euro e l’uscita in Italia, nei soli colori New Aurora Black e New Moroccan Blue avverrà tra maggio e giugno. Aggiornamento: il prezzo è di 849 euro.

    LG G7 i rumors della vigilia

    LG G7 Neo

    LG G7 dovrebbe debuttare in uscita nel corso della prossima primavera 2018. Le prime indiscrezioni sul flagship prossimo venturo si concentravano su un particolare molto preciso, su un componente hardware che ha un nome e un cognome, ossia Qualcomm Snapdragon 845.

    Il nuovo chipset premium del colosso dei processori potrebbe utilizzare proprio LG G7, come alfiere e come debutto sul panorama internazionale delle grandi marche (perché il debutto in assoluto arriverà con Meizu), per ancora più potenza, performance e consumi drasticamente ridotti, a corollario di una scheda tecnica di sicuro livello. L’hardware dovrebbe annoverare uno schermo OLED in formato 19,5:9 da circa 6 pollici, appunto una doppia fotocamera sia sul retro sia sul fronte (da 16 MegaPixel con la principale con apertura f/1.6, la secondaria grandangolare e apertura f/1.9) e un quantitativo di 6GB di Ram oltre che 128GB espandibili, fotocamera secondaria 8 megapixel e batteria da 3000mAh.

    LG G7 avrebbe dunque anticipato l’uscita in commercio dalla primavera, dunque non molto dopo il MWC 2018 di Barcellona, distaccandosi leggermente da un trend che era iniziato con LG G5 e continuato con LG G6, che si erano avvicinati sempre di più all’inizio dell’anno. Il CES 2018 non è stato il teatro di ufficializzazione del nuovo top di gamma dei sudcoreani, che di recente aveva visto l’ufficialità dell’altro flagship dell’altra linea – LG V30 – ad Agosto, ossia un mese prima di quanto si era visto con LG V20. Si tratta solo di indiscrezioni, ma sono basate su una possibile strategia commerciale di “anticipo” rispetto ai rivali che avrebbe un suo senso. In realtà, le ultime voci danno come uscita probabile quella di Maggio.

    Il sensore secondario frontale di G7 sembra destinato alla rilevazione dell’iride, si parla con quasi certezza della presenza di un display M-LCD invece che OLED stile LG V30, per un consumo energetico più contenuto e anche un costo di produzione più basso. Dovrebbe essere scontata la resistenza ad acqua e polvere (con certificazione IP68) e dovrebbe essere presente anche la radio FM. Scopriamone di più. Qui sotto, un video che mostra tutti gli ultimi render:

    LG G7 sarà il top di gamma della società coreana e su questo non ci sono dubbi, dato che la nomenclatura del colosso asiatico è regolare e costante e quest’anno abbiamo già visto LG G6. Da tradizione, a bordo ci sono sempre processori tra gli ultimi usciti, e se a questo si sommano anche le frasi trapelate proprio dai vertici di Qualcomm allora il gioco è fatto. Cosa è stato detto?

    Che l’adozione del nuovo chipset sembra inevitabile, per il motivo principale delle soluzioni di realtà virtuale e aumentata, che saranno richiesti a bordo della nuova ammiraglia coreana. Di certo, anche i rivalissimi di Samsung, così come quelli cinesi come Xiaomi o Huawei (più difficile, visto che usano chip proprietari), potrebbero mettere qualche bastone tra le ruote. Non resta che rimanere in ascolto e in attesa di ulteriori informazioni.