Guadagnare con Facebook: ecco come fare

Guadagnare con Facebook: ecco come fare per sfruttare il fenomeno promuovendo la tua attività con gruppi, pagine fan e commenti

da , il

    Facebook ormai non è più solo un social network, ma è diventato un fenomeno di grande importanza nell’universo Internet. Anche economica. Ma è possibile guadagnare con Facebook, sfruttando il suo abnorme bacino utenti e visibilità?

    La risposta è sì, tuttavia in questo caso il guadagno è in termini di promozione: se si ha un business (un’azienda, un’idea, un sito, ecc…) non c’è niente di meglio che Facebook per poterla mostrare al mondo intero, ricavando clienti e contatti.

    Nel mese di Marzo per la prima volta Facebook ha generato più traffico di Google (riferito alle homepage però), si avvicina ai 500 milioni di utenti e si mangia ore e ore di vita e di lavoro di tantissime persone ogni giorno. Lasciando perdere Farmville e compagnia bella, si può sfruttare per promuovere il proprio business con grande efficacia.

    Cinque punti cinque. Per prima cosa (1) è necessario creare un profilo personale, operazione che richiede pochi minuti o addirittura secondi. Da qui si può partire per aprire tutto il resto e per sfruttare la rete di amici, conoscenti e amici di amici per mostrare brand/idea/azienda a migliaia di persone.

    Dopo aver aperto un profilo si può aprire una pagina (2) che potrà poi essere aggiornata con pensieri, link, foto e dagli stessi fan. L’indicizzazione su Google è ottima, le pagine offrono un posizionamento ideale nei motori di ricerca. Meno performanti ma pur sempre da prendere in considerazione i gruppi (3) che potrebbero fungere da forum o, più di bassa lega, accalappiare utenti con quelle odiose esche tipo “100 cervelloni non sono riusciti a risolvere questo enigma“.

    Da considerare la possibilità di creare applicazioni per Facebook (4) sul proprio business, utilizzando le Facebook API e magari appoggiandosi a qualche sviluppatore amico: realizzare un’app virale è una delle idee marketing più vincenti. In ultimo l’appoggio all’advertising di Facebook (5) che potrebbe generare buoni tornaconti in termini di visibilità al fronte di una piccola spesa.