Natale 2016

Top 5 alternative a PayPal per inviare e ricevere pagamenti online

Top 5 alternative a PayPal per inviare e ricevere pagamenti online
da in Guide HiTech, PayPal
Ultimo aggiornamento: Martedì 31/05/2016 10:25

    alternative paypal

    Le alternative a Paypal che vi mostriamo possono offrire servizi quasi identici con diversi gradi di affidabilità e sicurezza. Da quando esiste internet non si era mai visto un incremento degli acquisti online così accentuato come negli ultimi anni. Probabilmente anche l’avvento di Facebook, che ha fatto avvicinare al web gli ‘insospettabili’, ha dato una mano. Nei prossimi anni la tendenza sembra che sia ancora alla crescita del fenomeno che viene supportato dalla nascita di nuovi sistemi di pagamento online. Non solo vengono acquistati online beni materiali fungibili ma vengono acquistati anche beni virtuali o comunque a carattere intellettuale come film, musica e videogame. Alla luce di ciò, rimanere fuori dal circuito dei sistemi di pagamento online sembra impensabile in un mondo sempre più orientato al digitale ed alla moneta elettronica. I pagamenti online in Italia ancora non sono così accentuati come in altri paesi, ma anche nel ‘bel paese’ sembra che le cose stiano cambiando. In quest’articolo vi faremo una panoramica sui servizi alternativi a Paypal per darvi l’opportunità di effettuare una scelta consapevole del servizio che più si adatta alle vostre esigenze.

    Prima di parlare delle alternative sarebbe bene ricordare brevemente cosa è Paypal. Paypal è una società controllata da eBay che offre una vasta gamma di servizi per i pagamenti ed il trasferimento di danaro online. E’ possibile utilizzare sia carte prepagate della stessa società sia di altre società tramite la creazione di un account dal sito ufficiale in modo completamente gratuito. Una volta effettuata la registrazione e abbinata una carta potrete cominciare con i vostri acquisti o ad incassare dai vostri clienti. COS’E’ PAYPAL E COME FUNZIONA PER CHI VENDE E PER CHI ACQUISTA

    Skrill, schermata homepage

    1) Skrill Skrill è un sistema di pagamento che rispetto a Paypal è incentrato più sull’invio di denaro tra gli utenti piuttosto che alle transizioni commerciali vere e proprie, sebbene questa ultima funzionalità sia comunque contemplata nella maggior parte dei paesi del mondo. Come per Paypal la creazione di un account è completamente gratuita ed è possibile utilizzare più carte prepagate o conti correnti bancari. Per le aziende è previsto un piano particolare che propone soluzioni personalizzate in base alle esigenze dei clienti offrendo loro di pagare, ad esempio una fattura, tramite tablet o smartphone. Skrill offre anche schede prepagate che viaggiano sul circuito Maestro che non prevedono né commissioni né costi. Nonostante abbia tutte le funzioni del caso rimane comunque uno strumento maggiormente utilizzato per il trasferimento di valuta in quanto pochi dei market online più importanti permettono il pagamento con questo strumento

    Google wallet immagine logo

    2) Google Wallet Una delle alternative di Paypal arriva da Google, la società leader dei motori di ricerca che non ha bisogno di presentazioni. Ad oggi Google Wallet è utilizzato principalmente negli Stati Uniti ma accetta carte di credito e di debito di molti paesi compresi l’Italia, ed inoltre è integrato in particolar modo con il Play Store di Google per i dispositivi Android. A differenza di Paypal con Google Wallet non è permesso il trasferimento di danaro tra gli utenti in quanto è pensato rigorosamente per i rivenditori. La cosa positiva di Google Wallet è il fatto che non ci sono tasse sulle transazioni commerciali come avviene in effetti anche per Paypal, ma lo svantaggio risiede nella sua poca popolarità nell’ambiente dei market online che non siano di Google.

    Schermata home Payza

    3) Payza Payza, conosciuto anche come AlertPay, permette l’invio e la ricezione di moneta da 190 paesi in tutto il mondo e con 21 tipi di valuta diversi. Per poter versare soldi sul conto virtuale è possibile utilizzare bonifici bancari o carte di credito ed è disponibile anche il trasferimento di danaro tra gli utenti. Dispone anche della possibilità di fatturazione online, in caso di aziende, per il pagamento di beni, servizi e prestazioni. La creazione dell’account è gratuita ma per i servizi di trasferimento del danaro da utente ad utente è prevista una piccola tassa come avviene anche per Paypal. Payza si distingue per un alto livello di sicurezza che lo hanno fatto diventare leader in molti paesi nel mondo, primo tra tutti il Canada. 4) Payoneer Payoneer homepage Per poter usufruire di Payoneer è necessario attivare una carta del circuito MasterCard prepagata che verrà inviata direttamente a casa con raccomandata assicurata. Per attivare la carta sarà necessario seguire una procedura guidata dal sito ufficiale dopodiché potrà essere caricata da qualsiasi banca locale e tabacchini abilitati a questo tipo di servizio. La scheda Payoneer può essere utilizzata in molti paesi nel mondo non solo per acquistare online ma anche per ritirare soldi da un bancomat o per pagare in un negozio ‘reale’, sempre se il bancomat dal quale si vorrà prelevare sia affiliato al circuito MasterCard.

    Paymate, schermata homepage

    5) Paymate Paymate si caratterizza per un alto livello di sicurezza delle transazioni tanto che è stato scelto da eBay come metodo di pagamento in molti paesi nel mondo. Il servizio è particolarmente orientato alle funzioni di pagamento e acquisto sui market online e permette un incasso immediato tramite conto corrente bancario. Non manca però l’opportunità di trasferire danaro tra gli utenti. La particolarità di questo servizio sta nel fatto che non è necessario attivare un account se si vogliono effettuare transazioni con carte che non sono Paymate, infatti basta semplicemente inserire i dati della carta e autorizzare il pagamento dopodiché la query viene distrutta e non conserva nessun dato della vendita sul browser. Questo non significa che si possono fare transazioni anonime perché i dati del passaggio di danaro viene comunque registrato dal gestore della carta.

    1082

    Natale 2016

    ARTICOLI CORRELATI